Borsa Milano sotto scacco: si teme nuovo attacco contro banche

5 Luglio 2016, di Laura Naka Antonelli

MILANO (WSI) – Situazione sempre più precaria per le banche italiane. La notizia della lettera-ultimatum della  Bce a MPS ha alimentato nuove pesanti vendite sui titoli bancari, mettendo nuovamente KO la Borsa di Milano. Piazza Affari sconta sempre di più i timori post  Brexit e lo scetticismo completo sulla capacità di ripresa del settore bancario italiano, oberato da crediti deteriorati del valore di 360 miliardi di euro circa, che incidono su quelli totali dell’Europa per un terzo.

Diversi strategist vedono poi nel referendum costituzionale del governo Renzi un altro fattore di incertezza per l’intera Eurozona, dal momento che la vittoria del “no” manderebbe a casa l’esecutivo, aprendo una nuova fase di instabilità per l’Italia, già considerata l’anello debole del blocco. Sono due fonti di rischio di crisi sistemica estremamente pericolose nell’immediato non solo per l’Italia ma per l’intero continente europeo.

Sul valutario, sotto pressione l’euro, che rimane comunque sopra $1,11. Dollaro-yen giù sotto JPY 102; nuovo calo della sterlina che cede sul dollaro e si posiziona sotto $1,33. Euro-yen in ribasso, attorno a JPY 113,45. Sul fronte delle materie prime, il petrolio, è sotto pressione, con il contratto WTI che si attesta poco al di sopra di $48, e il Brent che torna sotto $50 al barile. Oro in rialzo, sopra $1.345. Sul mercato dei titoli di stato, focus sui movimenti dello spread BTP-Bund e dei tassi sui BTP

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 20168:42

Petrolio sotto pressione, cede oltre -1%. Il Brent nuovamente sotto la soglia di $50 al barile.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 20168:43

Si attende un avvio improntato alla debolezza per i principali indici azionari europei.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 20168:44

Indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo cede quasi -0,7% e riporta la prima chiusura negativa in quasi una settimana.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 20169:04

L’indice di riferimento dell’azionario europeo, lo Stoxx Europe 600, apre in calo -0,26% e accelera subito al ribasso, cedendo -0,5%.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 20169:44

Ftse Mib di Borsa Milano ingessato, al momento segna una variazione -0,07%, a 16.000 punti circa. Banche vendute, con MPS sospesa per eccesso di ribasso con calo teorico -7% circa, a 0,30 euro, nuovi minimi storici. Le altre banche vanno meglio, come Bper +2,06%, BPM +2,20%, BP +1,92%, Intesa SanPaolo +0,06%, bene Unicredit +2,66%, Ubi Banca +1,62%; Tra i titoli di altri settori ENI piatta con -0,07%, FCA -0,47%, Generali -1,16%, Telecom Italia +0,41%, Saipem +1,36%, Leonardo-Finmeccanica -1,71%, Mediaset -0,98%.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201610:40

Ftse Mib di Borsa Milano peggiora, al momento segna una variazione -0,41% e buca di nuovo la soglia di 16.000 punti circa. Banche contrastate con il titolo MPS sospeso per eccesso di ribasso con calo teorico -7% circa, a 0,30 euro, nuovi minimi storici.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201610:42

I tassi sui Treasuries Usa a 10 anni sono scesi al minimo record, dopo essere scesi sotto l’1,3810%.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201610:43

Euro-dollaro riduce i ribassi, dopo la pubblicazione degli indici PMI di Francia, Germania ed Eurozona.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201610:59

Petrolio ancora venduto, entrambi i contratti accelerano al ribasso.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201610:59

Sul mercato valutario si assiste alle nuove vendite che colpiscono la sterlina nei confronti del dollaro.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201611:52

Dopo la pausa dovuta alla celebrazione dell’Independence Day in Usa, Wall Street si prepara a un avvio negativo.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201612:46

La curva dei rendimenti dei titoli di stato del Regno Unito.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201612:53

Alert Bank of England sugli effetti della Brexit. Ma anche molto pragmatismo tipico della cultura anglosassone, che porta i britannici a sfoderare subito un bazooka per far fronte alle prossime sfide per il Regno Unito. Così si legge nel Financial Stability Report della Bank of England, il primo reso noto dopo il voto del referendum dello scorso 23 giugno. Ma la sterlina riduce le perdite precedenti alla diffusione del report, quando in mattinata era scesa oltre -1% nei confronti del dollaro, scivolando al nuovo minimo in 31 anni, a $1,3112.

GbP

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201613:09

Parla Mark Carney, numero uno della Bank of England. La sterlina si riavvicina ai minimi storici testati in mattinata, dopo aver ridotto le perdite.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201613:32

Ennesimo bagno di sangue sul titolo Mps, che è stato sospeso più volte per eccesso di ribasso e che alle ore 13.20 circa è scambiato con un tonfo superiore a -8%, a quota 0,30 euro, nuovi minimi storici.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201613:33

Altre banche scambiate sul Ftse Mib di Borsa Milano sono positive: Bper +2,13%, BPM +4,86%, BP +3,27%. Recupera terreno anche Intesa SanPaolo +1,47%, bel balzo di Unicredit che sale oltre +6%, mentre il titolo di Ubi Banca è sospeso per eccesso di rialzo con +4,93% teorico.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201614:37

In calo i principali titoli delle società di gestione degli asset.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201615:42

Azionario dunque venduto, mentre avanzano alcuni asset e valute rifugio come lo yen. Occhio infatti al mercato valutario, dove l’euro è praticamente piatto sul dollaro, a $1,1153. Dollaro sotto pressione sullo yen, con il cambio dollaro-yen -0,90% a JPY 101,64. Anche l’euro è venduto contro lo yen, e scende -0,89% a JPY 113,37. Male la sterlina che oggi ha bucato anche la soglia di $1,31, scendendo sotto tale soglia per la prima volta dal settembre del 1985. Ora la sterlina cede sul dollaro -1,6%, a $1,3074, ed è venduta anche contro l’euro, con il rapporto euro-sterlina +1,65% a GBP 0,8531.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201616:40

Tensione a Wall Street, indici ancora negativi.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201616:40

Sell off anche sui titoli delle principali banche americane.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201616:42

Forte peggioramento per l’indice Ftse Mib, che cede oltre -1%, a 15.827,85. L’azionario sconta sia l’andamento negativo di Wall Street e del petrolio – con crolli superiori a -3% – che l’ennesimo bagno di sangue sulle banche, con il titolo MPS nuovamente sospeso per eccesso di ribasso. Mps segna un calo teorico superiore a -11%, a capitola sotto 0,30 euro.

Laura Naka Antonelli 5 Luglio 201616:43

Virano in rosso anche altri titoli bancari scambiati sul Ftse Mib, che avevano dato prova di resistenza in mattinata. Resiste ancora BPM, mentre BP -3,27%, Bper -0,27%, Intesa Sanpaolo -1,72%. Rimangono positive Ubi Banca +3,91% e Unicredit +1,61%.
Pesante sul listino anche FCA -3,36%, mentre ENI resiste all’effetto petrolio con una perdita limitata a -0,69%. Azimut Holding -4,55%, Leonardo-Finmeccanica -2,09%, Saipem -3,11%, UnipolSai -4%. Positiva Mediaset +2,81%, Yoox-Net-A-Porter oltre -5%.

Daniele Chicca 5 Luglio 201617:32

I veri protagonisti in negativo di giornata sono stati i titoli del settore immobiliare britannico. Dopo che Aviva, M&G e Standard Life hanno deciso di interrompere le attività di trading dei loro fondi per paura di un intensificarsi dei riscatti e della fuga di capitali post Brexit.

Daniele Chicca 5 Luglio 201617:33

Prima della chiusura le principali piazze europee scambiano in rosso, per una volta tra le più pesanti non figura Milano, bensì Francoforte e Parigi.

Daniele Chicca 5 Luglio 201617:49

L’indice di riferimento Eurostoxx 600 ha perso l’1,66% mentre il Ftse MIB l’1,48%.  Tutti gli indici di Borsa principali hanno ceduto più di un punto percentuale.

Daniele Chicca 5 Luglio 201617:50

Quando manca circa mezz’ora alla chiusura degli scambi, le principali piazze europee scambiano in rosso, per una volta tra le più pesanti non figura Milano, bensì Francoforte e Parigi.

Daniele Chicca 5 Luglio 201617:52

Tra gli altri mercati, sul valutario il cambio euro dollaro quota attualmente $1,1084, mentre tra le materie prime il petrolio Wti scende del 4,5% a 46,7 dollari al barile.