Mercati: da gestori fondi corsa al cash, si teme esplosione bolla bond

14 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Il sell off che è tornato a colpire Wall Street rende gli operatori dei listini azionari globali cauti, in vista di importanti appuntamenti come la riunione della Fed della prossima settimana e dunque la decisione sui tassi di interesse.

Tonfo per gli indici Usa: il Nasdaq Composite ha ceduto -1,09%, a 5.155,25 punti. Il Dow Jones è scivolato di ben 258,32 punti, in flessione dell’1,41%, a 18.066,75; lo S&P ha fatto -1,48%, a 2.127,02. In particolare, l’indice S&P 500 è sceso al minimo dallo scorso 7 luglio, zavorrato da vendite che hanno colpito tutti e dieci i sottoindici. Allarme volatilità, con l’indice di riferimento CBOE Volatility Index volato del 18% al record da giugno.

Ma si teme ora anche l’esplosione di quelli che ritengono una bolla formatasi sul mercato dei titoli governativi, complici le politiche monetarie ultraespansive delle banche centrali, che hanno portato i tassi a livelli rasoterra.

Crollo dei Treasuries Usa, con i rendimenti a 10 anni al record in quasi tre mesi. Ovunque, l’incertezza è tale che, secondo un report di Bank of America, i gestori dei fondi stanno aumentando l’esposizione verso i contanti. Di fatto, la percentuale di investitori che ritengono che sia l’azionario che i mercati dei bond siano sopravvalutati è balzata al 54%, un record, con l’allocazione sulle azioni in rapporto a quella sul cash scivolata al minimo in quattro anni. L’esposizione al cash è stata aumentata al 5,5%, valore più alto dal novembre del 2001.

Il forte sell off che ha colpito gli indici di Borsa Usa ha avuto un effetto immediato sull’indice Nikkei della borsa di Tokyo.

Petrolio in ripresa dopo il forte tonfo fino a -3% circa alimentato dal report dell’Agenzia Internazionale dell’Energia.Oro piatto attorno a $1.324.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 20169:08

I mercati europei sfidano Wall Street e avviano la giornata di contrattazioni in territorio positivo.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201610:19

Tra i titoli scambiati a Piazza Affari Telecom Italia beneficia delle dichiarazioni dell’amministratore delegato Cattaneo, che ha detto di non temere l’ingresso di Iliad sul mercato italiano. Cattaneo ha parlato dopo i recenti rumor, che ieri avevano segnalato la presenza di un aggressivo piano allo studio di Iliad per ottenere una quota di mercato del 10-15% nella telefonia mobile. Il titolo Telecom Italia sale oltre +1%.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201610:20

Tra le banche scambiate sul Ftse Mib, positiva Bper, sulla scia di indiscrezioni secondo cui sarebbe pronta a formulare una offerta per Banca Marche e Banca Etruria.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201612:00

Titolo Monsanto in rialzo in premercato del 2%, a $108,25, dopo le indiscrezioni di Reuters, secondo cui Bayer avrebbe raggiunto un accordo per acquistare il colosso per un valore di $128 per azione.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201613:30

L’indice Ftse Mib di Piazza Affari segna un lieve rialzo, salendo dello 0,24%, a 16.587,50 punti. In generale, sui mercati europei si ferma il sell off della vigilia, che ha portato l’indice di riferimento dell’azionario europeo, lo Stoxx Europe 600 Index, a soffrire il tonfo più forte in due mesi. Tra i titoli migliori in Europa Glencore e Anglo American, +4% circa, trainano al rialzo il comparto dei titoli minerari, che si conferma il migliore tra i 19 sottoindici del listino.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201613:35

Sull’indice Ftse Mib, vendute le banche. Tra i bancari Mps -0,79%, osservata speciale nel giorno del cda che dovrebbe ufficializzare la nomina del nuovo numero uno Marco Morelli. Giù Unicredit -1,48%, Ubi Banca -2,13%, Mediobanca +0,07%, bene Banca Mediolanum +1,35%, Bper +0,24%, BPM -0,42%, BP -0,35%, Intesa SanPaolo -0,38%. Tra i titoli di altri settori, Telecom Italia -1,12%, torna in negativo, Unipol +1,95%, Moncler -0,71%, Poste Italiane +0,73%, Recordati +1,88%, Saipem +1,35%, Tenaris +1,30%, Mediaset +1,40%, Yoox Net-A-Porter -0,83%, balzo di Buzzi Unicem, oltre +3%.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201615:03

L’indice Ftse Mib di Piazza Affari è al momento ingessato. La variazione è di appena +0,03%, a 16.552,61 punti.Le banche rimangono in primo piano, in attesa di conoscere il destino di Mps. Il titolo riduce le perdite e scende dello 0,31%. Nel giorno del cda, l’arrivo del nuovo amministratore delegato Marco Morelli dovrebbe essere ormai questione di ore. In ribasso anche Unicredit -1,20%, Ubi Banca -1,79%, Mediobanca invariata, Bper +0,35%, BPM -0,42%, Banco Popolare -0,44%, Intesa SanPaolo -0,19%. In generale, le banche riducono comunque i ribassi delle prime ore della sessione.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201615:05

Sempre sull’indice Ftse Mib di Piazza Affari, si segnalano tra i titoli quelli del lusso, che sono penalizzati dal profit warning di Richemont. Moncler -0,77%, Ferragamo -0,70%, Yoox Net A Porter cede oltre 1%. Telecom Italia segna una falsa ripresa e vira nuovamente in rosso cedendo l’1% circa, nonostante le dichiarazioni, in mattinata, dell’amministratore delegato Flavio Cattaneo, che ha detto di non temere l’ingresso di Iliad nel mercato italiano e che ha parlato di risultati di bilancio, per il terzo trimestre, decisamente positivi.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201615:05

Bel balzo di Buzzi Unicem, che sale di oltre +3% all’indomani delle vendite scatenate da un report di Mediobanca, che ha sottolineato come il potenziale di crescita nel breve periodo sia a rischio, tagliando anche il rating sul titolo da outperform a neutral. Da segnalare comunque che il target price è stato invece alzato da 18,6 a 19 euro.

Laura Naka Antonelli 14 Settembre 201615:15

In rialzo la performance dei futures sui principali indici azionari Usa.

Daniele Chicca 14 Settembre 201617:48

Piazza Affari termina le contrattazioni sulla parità, in una giornata poco movimentata, in linea con l’andamento delle altre Borse europee. L’indice Ftse MIB subisce un calo dello 0,05% circa, trainato da Buzzi Unicem, Recordati e Mediaset mentre sono in controtendenza B Mps, Generali e Ubi Banca.

Daniele Chicca 14 Settembre 201617:48

Le Borse europee hanno chiuso contrastate, dopo una giornata sempre segnata dall’incertezza sulle prossime manovre di politica monetaria. L’indice EuroStoxx50 termina la seduta in lieve calo dello 0,18% circa zavorrato da LVMH, Generali e Deutsche Post mentre sono in controtendenza Bayer, Air Liquide e Sanofi.

Daniele Chicca 14 Settembre 201617:49

Tra gli altri mercati, sul valutario il tasso di cambio euro dollaro quota $1,1267, mentre il contratto sul petrolio Wti perde l’1,7% a 44,1 dollari al barile.