AIE taglia stime domanda petrolio per “decelerazione Cina e crescita che svanisce”

13 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Petrolio sotto pressione, dopo la pubblicazione del report dell’AIE, l’agenzia internazionale dell’Energia, da cui emerge che l’eccesso di offerta presente a livello globale durerà più a lungo di quanto anticipato.

Il surplus, ha avvertito l’AIE, durerà almeno fino al 2017, confermando una situazione di eccesso di offerta per il quarto anno consecutivo. A incidere sono l’attuale indebolimento della crescita della domanda e la forza della stessa offerta. La conseguenza è che il surplus durerà almeno fino alla fine del 2017.

D’altronde, sul fronte dei consumi di petrolio, il tasso di crescita si è attestato al minimo in due anni nel corso del terzo trimestre, accusando la flessione della domanda in Cina e in India, a fronte di una produzione record dei paesi appartenenti all’Opec.

L’AIE ha così rivisto al ribasso le previsioni sulla domanda di petrolio a livello globale, relativa al 2017, di 200.000 barili al giorno, a 97,3 milioni al giorno, tagliando l’outlook di quest’anno di 100.000 barili al giorno a 1,3 milioni al giorno, citando “la decelerazione drammatica in Cina e in India” di questo trimestre, unita a “una crescita che svanisce” nei paesi avanzati.

Accelerazione ribassista per i prezzi del petrolio.