08:49 giovedì 4 Gennaio 2024

Verbali Fed: probabili tagli tassi nel 2024, ma elevata incertezza su tempi

Elevata incertezza sui tempi dei tagli dei tassi di interesse negli Usa nel corso del 2024. E’ questo uno dei punti chiave emerso dai verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve (Fed) dello scorso dicembre. I banchieri di Washington hanno, infatti, concluso che i tagli dei tassi di interesse sono probabili nel 2024, anche se emergono pochi dettagli su quando questi potrebbero avvenire.
Nel corso dell’ultimo meeting del 2023 il Fomc, il braccio operativo della banca centrale Usa, ha deciso di mantenere i tassi d’interesse fermi nell’intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,5%.

“Nel discutere le prospettive, i partecipanti hanno ritenuto che i tassi ufficiali abbiano raggiunto o siano vicini al loro picco per questo ciclo, anche se hanno notato che il percorso effettivo dipenderà da come si evolve l’economia”, si legge nei verbali diffusi ieri sera.

Gli analisti di Mps Capital Services evidenziano che i verbali della Fed non hanno fornito una tempistica chiara sul primo taglio dei tassi, contribuendo a ridimensionare leggermente le aspettative sul primo taglio atteso per marzo. Gli esperti ricordano inoltre che a dicembre, durante la conferenza stampa, Powell aveva segnalato che c’era stata una discussione sui tagli, dando luogo ad un rally dei treasury.

“Dai verbali risulta che i membri prendono atto dei decisi miglioramenti sul fronte inflazione (si sono ridotti i rischi al rialzo) e che è presente una certa preoccupazione sul rischio di esagerare eccessivamente con la politica monetaria restrittiva. Tuttavia, è anche presente la volontà di mantenerla per un po’ di tempo, finché non sarà chiaro che il ridimensionamento dell’inflazione è duraturo” chiariscono da Mps.

Breaking news

17:38
Seduta debole in Europa, Piazza Affari a -0,3%

Piazza Affari chiude in calo, in linea con l’Europa. Migliorano le aspettative di inflazione della zona euro, in attesa del report di venerdì

17:05
Wall Street, Nasdaq supera i 17.000 punti e Nvidia guadagna il 4,7%

Il Nasdaq Composite ha superato per la prima volta la soglia dei 17.000 punti, registrando un rialzo dello 0,4%, grazie alla performance di Nvidia che ha guadagnato il 4,7%. Nel frattempo, lo S&P 500 rimane stabile, mentre il Dow Jones perde lo 0,4% tra preoccupazioni per inflazione e tassi d’interesse.

16:56
Benetton Group, via libera del CdA al bilancio 2023: perdita netta di 230 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione di Benetton Group ha approvato il bilancio 2023, che mostra una perdita netta di 230 milioni di euro. L’assemblea dei soci si riunirà il 18 giugno per approvare il bilancio e rinnovare il board. Edizione, principale azionista, sosterrà il piano di rilancio con 260 milioni di euro.

15:31
Unicredit, completata la seconda tranche del programma di Buy-Back 2023

UniCredit ha dichiarato di aver acquistato 6.182.344 azioni proprie dal 20 al 24 maggio 2024, nell’ambito della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023. Il totale delle azioni acquistate raggiunge 13.606.784, pari allo 0,81% del capitale sociale, per un controvalore di 492.236.430,71 euro. Sul listino milanese, il titolo UniCredit rimane invariato a 36,38 euro.

Leggi tutti