UK, il governo aumenterà tasse e tagli alla spesa

16 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il nuovo ministro delle finanze britannico Jeremy Hunt dovrà soppesare il pericolo economico che corrono gli UK contro la sopravvivenza politica del suo partito giovedì, quando renderà nota la manovra finanziaria. Hunt dovrebbe annunciare aumenti delle tasse e tagli alla spesa per un totale compreso tra 50 e i 60 miliardi di sterline all’anno mentre cercherà di tappare un buco sostanziale nelle finanze pubbliche del paese, rassicurando il mercato sulla sua credibilità fiscale dopo il caos scatenato dal disastroso mini-budget dell’ex primo ministro Liz Truss alla fine di settembre.

La Banca d’Inghilterra prevede che il Regno Unito sia all’inizio della recessione più lunga mai registrata e l’Office for National Statistics ha confermato venerdì scorso che il Pil si è contratto dello 0,2% nel terzo trimestre del 2022. La banca sta anche tentando di riportare l’inflazione a livello consoni, soprattutto dopo il massimo del 10,1% visto a settembre.

“Vedremo tutti pagare più tasse. Vedremo tagli alla spesa”, ha detto Hunt domenica alla BBC, promettendo anche che il governo fornirà un piano nuovo e più mirato per aiutare con le bollette energetiche delle famiglie oltre aprile. Le ricerche suggeriscono che molte delle misure di austerità più radicali previste dal governo del nuovo primo ministro Rishi Sunak entreranno in vigore dal 2025 in poi, dopo le prossime elezioni generali.

“Il governo e la Banca d’Inghilterra si trovano in una posizione molto difficile, perché la scelta del cancelliere della prossima settimana non riguarda tanto quello che accadrà: ha già detto al mercato che la previsione del debito deve scendere nel corso del nei prossimi anni”, ha detto venerdì Hugh Gimber, strategist dei mercati globali presso J.P. Morgan Asset Management.

Ha aggiunto che Hunt deve affrontare una decisione chiave davvero importante e difficile, cercando di risanare, come promesso dal governo di cui fa parte, la nazione. La maggior parte dei sondaggi elettorali nelle ultime settimane dà al principale partito laburista di opposizione circa 20 punti di vantaggio sui conservatori al governo, indicando che il danno subito durante il mandato di 45 giorni di Truss e la serie di scandali che hanno afflitto il suo predecessore Boris Johnson lasceranno il segno.

Tagli alla spesa e aumenti delle tasse

La dichiarazione di giovedì sarà accompagnata da una tanto attesa serie di proiezioni dell’Office for Budget Responsibility (OBR) del Regno Unito e dopo le cupe prospettive della Banca d’Inghilterra un paio di settimane fa, gli economisti si aspettano che emerga un quadro altrettanto desolante.

In una nota lunedì, Deutsche Bank ha affermato che l’OBR proietterà probabilmente una “recessione profonda e prolungata” nel 2023, con una crescita che rimarrà debole fino al 2025 al più presto e le proiezioni sull’inflazione aumenteranno in modo significativo per riflettere aumenti dei prezzi più persistenti.

Le aspettative sono che i tagli alla spesa e gli aumenti delle tasse siano divisi 60:40 nei piani di Hunt, anche se ha affermato che questi sarebbero stati fatti “di nascosto”, con aumenti delle tasse concentrati sul congelamento delle indennità personali e delle fasce fiscali, riducendo al contempo la soglia dell’aliquota fiscale aggiuntiva da 150 mila a 125 mila sterline per generare più entrate per il Tesoro.

Il mercato attende trepidante la manovra UK

Il mercato ha respinto categoricamente gli annunci fiscali di taglio fiscale di settembre dell’ex ministro delle finanze Kwasi Kwarteng, con la sterlina che è scivolata al minimo storico e i rendimenti dei titoli di stato sono aumentati così rapidamente che la Banca d’Inghilterra è stata costretta a intervenire e impedire il crollo dei fondi pensione.

“Se vuole rassicurare i mercati, Hunt dovrà annunciare un’azione tempestiva sotto forma di un grande inasprimento fiscale. Ciò potrebbe approfondire e/o prolungare la recessione e, in ultima analisi, creare un buco fiscale ancora più grande”, ha affermato Ruth Gregory, economista britannico senior presso Capital Economics. “Se cerca di minimizzare il dolore, rischia di sconvolgere i mercati e provocare un’altra impennata dei rendimenti dei Gilt, che peggiorerebbe anche le finanze pubbliche”.