La Bank of England interviene sul mercato obbligazionario dopo le mosse di Truss

28 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

La Bank of England sospenderà l’inizio previsto della vendita di Gilt (titoli di stato inglesi) la prossima settimana e inizierà ad acquistare temporaneamente obbligazioni a lunga scadenza per tentare di rimediare al caos del mercato scatenato dal cosiddetto “mini-budget” del nuovo governo Truss. Le misure includono ampie fasce di tagli fiscali non finanziati che hanno attirato critiche globali, anche da parte del Fmi. La banca centrale ha affermato che stava monitorando il “significativo repricing” degli asset britannici e globali negli ultimi giorni, che ha colpito particolarmente duramente il debito pubblico britannico a lungo termine.

“Se le disfunzioni in questo mercato continuassero o peggiorassero, ci sarebbe un rischio materiale per la stabilità finanziaria del Regno Unito. Ciò comporterebbe un ingiustificato inasprimento delle condizioni di finanziamento e una riduzione del flusso di credito all’economia reale”, ha affermato la Banca d’Inghilterra. Che ha aggiunto: “In linea con il suo obiettivo di stabilità finanziaria, la Banca d’Inghilterra è pronta a ripristinare il funzionamento del mercato e ridurre i rischi di contagio alle condizioni di credito per le famiglie e le imprese del Regno Unito”.

A partire da oggi, la banca inizierà acquisti temporanei di titoli di stato britannici a lunga scadenza al fine di “ristabilire condizioni di mercato ordinate” e ha affermato che questi saranno effettuati “su qualsiasi scala necessaria” per calmare i mercati.

Mercoledì il comitato di politica finanziaria della Bank of England ha riconosciuto che la disfunzione nel mercato dei Gilt rappresentava un rischio materiale per la stabilità finanziaria del paese e ha deciso di agire immediatamente.

L’obiettivo del Comitato di politica monetaria di una riduzione annuale di 80 miliardi di sterline delle sue partecipazioni in Gilt rimane invariato, ha affermato la banca, con le prime vendite di Gilt inizialmente previste per lunedì, che si terranno ora il 31 ottobre.

Un portavoce del Tesoro del Regno Unito ha confermato che l’operazione è stata “completamente indennizzata” dal Tesoro e ha affermato che il ministro delle finanze Kwasi Kwarteng è “impegnato per l’indipendenza della Banca d’Inghilterra”. “Il governo continuerà a lavorare a stretto contatto con la Banca a sostegno dei suoi obiettivi di stabilità finanziaria e inflazione”, ha aggiunto il portavoce.

Gli effetti sui mercati della decisione della Bank of England

Prima della decisione della Bank of England, gli strategist hanno affermato che il mercato dei Gilt da 2,1 trilioni di sterline si stava riprendendo, con una liquidità molto scarsa e prezzi che sono un chiaro segno di disfunzione del mercato.

I rendimenti dei gilt a 20 e 30 anni, che si muovono nella direzione opposta ai prezzi, sono scesi di circa 40 punti base il giorno dopo essere saliti al di sopra del 5% nelle prime contrattazioni, il livello più alto per i rendimenti a 30 anni dal 2002. Il rendimento del Gilt benchmark a 30 anni è stato scambiato al 4,579%, in calo di 41 punti base rispetto alla giornata questa mattina. Capital Economics, una società di consulenza, ha affermato che il forte calo dei rendimenti dei gilt suggerisce che il piano della BoE stesse già funzionando. “Anche se questo è il benvenuto, il fatto che fosse necessario farlo in primo luogo mostra che i mercati del Regno Unito sono in una posizione pericolosa”, ha affermato Paul Dales, capo economista del Regno Unito.