Spread sale a 240 punti base: Piazza Affari perde il 3%

15 Aprile 2020, di Alessandra Caparello

Sfonda il tetto dei 240 punti base oggi lo spread Btp-Bund e il rendimento del decennale del Tesoro arriva a segnare l1,93%. Un differenziale di rendimento così alto che non si vedeva dal 18 marzo scorso, quando la Banca centrale europea ha varato il nuovo maxi piano di acquisto dei titoli di stato al fine di sostenere i paesi alle prese con la pandemia dal Coronavirus.

Come riporta Borsa Italiana, secondo i trader, tuttavia, è sulle scadenze brevi, fino ai 3 anni, che l’Italia soffre di più con i rendimenti che stanno registrano aumenti in doppia cifra. Nel dettaglio il rendimento sulla scadenza a 2 anni sale di 20 punti base rispetto a ieri e si attesta intorno all’1% mentre sulla scadenza benchmark a 5 anni il rendimento è all’1,37% e il BTp a 10 anni rende l’1,90%.

E’ in corso, dicono i trader, un generale repricing del ‘rischio Italia‘ con le scadenze più brevi che soffrono di più sia per la difficile posizione in cui l’Italia si sta venendo a trovare per la rinuncia al Mes e per la mancata approvazione degli Eurobond.

I motivi di questo rialzo alle stelle dello spread è da ricercarsi quindi principalmente sulle conseguenze economiche del Covid-19. Ieri il Fondo monetario internazionale nelle consuete previsioni di primavera ha precisato che l’economia mondiale è in recessione con una contrazione del 3% per l’anno in corso, seguita da un 5,8% nel 2021. Previsioni nere soprattutto per l’Italia che sconta una contrazione del Pil di ben il 9,1% nel 2020.

A Piazza Affari il Ftse Mib segna al momento una flessione del 3,44% a 16.954 punti e restano pesanti le banche con Unicredit e Bper con un calo di oltre il 5%.