Sorpresa stress test: bocciate non una ma due italiane

29 Luglio 2016, di Daniele Chicca

ROMA (WSI) – Mps, con le sue decine di miliardi di sofferenze iscritte a bilancio, non è l’unico grande istituto italiano che si può considerare bocciato negli stress test condotti dall’Eba, l’autorità bancaria europea. In sette – oltre alla banca senese, la tedesca Commerzbank, l’irlandese AIB, l’inglese Barclays, l’austriaca Raiffeisen Landesbanken, la spagnola Banco Popular e Unicredit – hanno registrato un livello di capitale inferiore al 7,5% in caso di scenario avverso. Deutsche Bank ce l’ha fatta al pelo con un 7,8%, Bank of Ireland con il 7,69% e Societe Generale con l’8,03%. Una menzione speciale va comunque a Mps che ha fatto iscrivere a referto un imbarazzante -2,4%: è l’unica a essere risultata insolvente nello scenario più negativo.

Partendo dai dati dichiarati a fine 2015, le autorità hanno calcolato il coefficiente patrimoniale Tier 1 per ogni istituto in due casi distinti: uno avverso in condizioni critiche e l’altro in un contesto “normale”. La bocciatura identificata da Wall Street Italia – Tier 1 sotto il 7,5% in caso di grave crisi fino al 2018 – si confronta con quella del 5,5% delle autorità europee e non significa che verrà automaticamente chiesto un aumento di capitale. I risultati sono disponibili per la consultazione sul sito dell’Eba.

Il 7% è tipicamente considerato come il livello a cui si innesca la svalutazione delle obbligazioni. Con una media del 7,6% di capitale il settore bancario italiano si è rivelato fra i più fragili dell’area euro, dopo Irlanda e Austria. Intesta Sanpaolo ha invece registrato un ottimo risultato, con un valore Tier 1 sopra la media.

Niente Brexit o tassi negtivi: stress test una farsa

L’Eba non ha comunicato un livello al quale gli stress sono stati superati ma negli esami del 2014 il tasso in condizioni avverse era stato per esempio fissato al 5,5%. Nello scenario avverso quest’anno si è preso in considerazione un calo del 7,1% del Pil, un calo della redditività da interessi e un collasso del mercato immobiliare. C’è chi dice che gli esami sono una farsa: non solo non ci sono bocciate o promosse ufficiali, ma non è stata nemmeno presa in considerazione né la “Brexit” né un periodo prolungato di tassi negativi – in Europa ammontano a migliaia di miliardi.

Mps già sta lavorando a un piano per rafforzare entro novembre la base patrimoniale di fino a 5 miliardi di euro e per smaltire, come richiesto dalla Bce in una lettera, l’intero pacchetto di sofferenze nette, uno dei “cancri” del sistema bancario italiano. La cartolarizzazione prevede l’intervento del fondo Atlante che sottoscriverà la tranche mezzanine per 1,6 miliardi e l’assegnazione ai soci di Mps della tranche junior. Proprio a fine giornata la banca travagliata ha annunciato anche il “deconsolidamento” dal bilancio dell’intero portafoglio di crediti in sofferenza, attraverso la cessione ad un veicolo di cartolarizzazione.

Secondo quanto riporta un comunicato della banca senese, l’operazione avverrà ad un prezzo pari a 9,2 miliardi di euro, ovvero il 33% del valore lordo, e con la successiva assegnazione della tranche junior agli azionisti di della banca stessa. Per il governo Renzi e il settore bancario italiano in difficoltà evitare un bail-in, ovvero il ricorso a obbligazionisti e correntisti per salvare l’istituto sull’orlo del default, è fondamentale, dal momento che il 30% dei bond societari bancari sono in mano a famiglie e risparmiatori.

Un altro istituto su cui i fari erano puntati era Deutsche Bank, istituto tedesco che ha appena visto azzerati gli utili trimestrali e che è ampiamente e pericolosamente esposto ai derivati. Ma a sorpresa la banca ha passato gli esami, registrando un 7,8% di Tier 1, lo 0,3% sopra alla soglia minima richiesta.

Sono state passate al setaccio le capacità patrimoniali di 51 banche di 15 paesi diversi, per il 70% degli attivi in Europa, per scoprire se e quali istituti hanno i livelli di capitale sufficienti a resistere in caso di crisi. Tra le italiane, Ubi Banca, Intesa Sanpaolo e Banco Popolare hanno superato gli esami. Le indiscrezioni della vigilia sostenevano che anche Unicredit (7,12%) l’avrebbe spuntata.

Gli stress test sono stati introdotti dopo la crisi finanziaria scoppiata nel 2007-2008 per scongiurare nuove epidemie sistemiche nel sistema finanziario interconnesso dell’Occidente. Rimane da vedere come reagiranno i mercati alla riapertura delle contrattazioni lunedì prossimo.