Effetto Bce anche a Wall Street, Nasdaq ritraccia dal record

8 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Sull’azionario globale è effetto Bce, con i mancati annunci di Draghi che alimentano i timori sul futuro dell’Eurozona. Wall Street debole, il Nasdaq Composite ritraccia dopo la chiusura record di ieri a 5.275,91 punti, cedendo -0,40% a 5.262,94.

Dow Jones -0,24%, a 18.482; S&P -0,18% a 2.182.

Tra i market mover si mette in evidenza la pubblicazione del Beige Book, il rapporto sullo stato di salute dell’economia Usa che viene considerato uno strumento chiave nelle decisioni di politica monetaria della Fed. Dal rapporto è emerso che la Fed prevede una crescita moderata dei salari nei prossimi mesi.

Così Peter Boockvar, responsabile analista di mercato presso The Lindsey Group:

“I dati economici certamente non avallano un rialzo dei tassi di interesse, ma è vero anche che i tassi sui fed funds non dovrebbero mai essere così bassi, considerato che siamo al settimo anno di un’espansione dell’ economia Usa.

Reso noto oggi, dopo il report occupazionale Usa deludente diffuso lo scorso venerdì, il dato relativo alle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione che, nella settimana terminata lo scorso 3 settembre, sono scese di 4.000 unità, attestandosi al minimo in due mesi, pari a 259.000 unità, meglio delle attese.