CariChieti: Tribunale dichiara stato insolvenza

20 Luglio 2016, di Laura Naka Antonelli

Insieme a Banca Marche, CariFerrara, Banca Etruria, CariChieti appartiene alle tristemente note quattro banche italiane che sono state salvate con la procedura di  bail-in, a fronte di risparmi azzerati da parte di azionisti e detentori di  obbligazioni subordinate

Il Tribunale civile di Chieti ha dichiarato lo stato di insolvenza di Carichieti, la banca sottoposta a risoluzione nell’ambito del provvedimento adottato dal Consiglio dei ministri il 22 novembre 2015.

L’istanza di dichiarazione di insolvenza era stata presentata nei mesi scorsi dal commissario dell’istituto bancario posto in liquidazione coatta amministrativa. Nella sua relazione, il commissario liquidatore ha indicato un attivo pari a zero e 45 milioni di debiti.

Così in una nota l’onorevole Fabrizio Di Stefano:

“Lascia interdetti e preoccupati la sentenza del Tribunale di Chieti sul crack della Carichieti”. Ancora Di Stefano: “Questi passaggi, che individuano responsabilità ben specificate circa la situazione d’ insolvenza dell’Istituto teatino, necessitano sicuramente di chiarimenti da parte della Banca D’Italia e del Ministero e, a tale scopo, presenterò un’interrogazione parlamentare per fare chiarezza, certo che questa sentenza getta delle responsabilità sui commissari che devono assolutamente essere chiarite per i danni che hanno arrecato al tessuto economico del territorio”.