Mercati: e ora focus su Fed. Janet Yellen e le scommesse sui tassi

21 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

La Bank of Japan ha emesso il suo verdetto. A questo punto, manca la decisione della Fed sui tassi, che arriverà quando le contrattazioni, sui mercati azionari europei, saranno già terminate (20 ora italiana). Alle 20.30 andrà di scena la conferenza stampa di Janet Yellen.

Quello che si può dire, commentando la decisione della Bank of Japan, è che i governatori delle banche centrali continuano disperatamente a sperare in nuove manovre che possano generare crescita e inflazione, a un livello tale da essere considerato accettabile dall’azionario, ormai avvezzo alla liquidità e drogato da essa.

L’imperativo rimane dunque quello di non deludere i mercati, anche se la Bank of Japan, mantenendo i tassi invariati al valore negativo di -0,1% e lasciando inalterato anche il programma di acquisti di bond governativi, ha rischiato di deludere gli investitori. Di qui, la nuova arma, o meglio, il nuovo approccio di “controllo della curva dei tassi”.

La borsa di Tokyo ha reagito bene con un guadagno anche +2% e i tassi sui bond a 10 anni sono saliti allo 0,005%. A favore dell’azionario, la Bank of Japan ha aumentato gli acquisti di ETF che replicano l’indice allargato Topix.

Si attende a questo punto la Fed: in un sondaggio di Bloomberg condotto tra il 12 e il 14 settembre, 48 economisti hanno parlato di una probabilità di un rialzo dei tassi pari al 15% nella riunione di oggi, al 5% in quella di novembre e al 54% a quella di dicembre. Allo stesso tempo, il 65% ha detto di ritenere che la Fed “farà ricorso a una forma di guidance che segnalerà l’intenzione di alzare i tassi presto”.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 20169:18

La decisione della Bank of Japan di cambiare strategia introducendo come obiettivo di politica monetaria il controllo della curva dei tassi sembra piacere ai mercati azionari europei, che avviano le contrattazioni in rialzo. Nessun segnale, per ora, dalla borsa di Lisbona.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 20169:20

Altri indici azionari europei avviano la sessione in territorio positivo, mentre è in corso la conferenza stampa di Kuroda, numero uno della Bank of Japan.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 20169:21

Particolarmente comprate le banche, con l’indice di settore Euro Stoxx Banks che balza di oltre +2,5%.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 20169:23

Unicredit sprint. Secondo le indiscrezioni, ad avere la meglio sugli altri potenziali acquirenti della divisione Pioneer, sarebbero in particolare tre: Generali, il gruppo francese Amundi e un consorzio guidato da Poste Italiane.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 20169:45

Reduce da un tonfo che ha provocato uno scivolone sotto 20 centesimi, il titolo MPS stamattina non riesce a fare ancora prezzo, e segna un balzo teorico +7% circa. Il titolo riesce poi ad aprire con un balzo del 4%. Nuove indiscrezioni sul futuro della banca senese: indiscrezioni stampa citano la possibilità di 5.000 esuberi.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201610:13

Prosegue la sessione positiva per le borse europee.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201611:31

A Piazza Affari, il Ftse Mib segna un rialzo dell’1,26%, a quota 16.441,69 punti.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201611:36

Tra le banche Mps recupera terreno dopo il tonfo della vigilia, salendo oltre +2%, ma rimanendo ancora sotto la soglia di 20 centesimi. In rialzo Bper +4,33%, BPM +4,17%, BP +4,75%, Intesa SanPaolo +2,59%, bene FinecoBank con +1,35%, Unicredit +2,95%, Ubi Banca con +3,85%. Tra i titoli di altri settori, giù Eni +1,84%, FCA è invece sotto pressione con un calo dello 0,61%; Unipol +1,50%, Mediaset +1,03%, Yoox Net A Porter +1,37%.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201613:08

Prosegue la buona performance delle banche europee.

Daniele Chicca 21 Settembre 201613:52

Si profila un avvio positivo per Wall Street nel giorno X della Fed. I mercati evidentemente sono convinti che le banche centrali sono ancora in grado di trovare un modo per dare sostegno agli asset finanziari.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201615:16

A Piazza Affari, sull’indice Ftse Mib, il titolo Mps segna un rialzo del 2,51%, a 0,1919, mentre Ubi Banca balza +4,42%, a 2,172 euro. Forti rialzi anche per le altre banche, con Unicredit che sale di oltre +3%; Mediobanca +2,05%, Bper +4,27%, BPM +4%, Banco Popolare +4,25%, Intesa SanPaolo +2,19%. Alle 15.15, l’indice Ftse Mib sale dell’1,09%, a 16.384,43 punti.

Laura Naka Antonelli 21 Settembre 201616:24

Acquisti non solo sull’azionario, ma anche sui titoli governativi europei. Caduta verticale, di conseguenza, per i rendimenti sui bond, con i tassi a 2 anni della Grecia che crollano di 149 punti base, al 6,11%, al minimo dal novembre del 2015. 

Daniele Chicca 21 Settembre 201617:50

Tra gli altri mercati, il cambio euro dollaro quota $1,1149, mentre il contratto sul petrolio Wti guadagna il 2,4% a 45,1 dollari al barile.

Daniele Chicca 21 Settembre 201617:51

Le borse europee terminano le contrattazioni positive, dopo una giornata sopra la parità e in attesa della comunicazione della Fed sulle prossime manovre di politica monetaria. L’indice EuroStoxx50 termina la seduta in rialzo dello 0,7% Trainano i titoli del settore bancario, assicurativo e delle materie prime mentre sono in controtendenza i settori delle utility e dei viaggi.

Daniele Chicca 21 Settembre 201617:51

Piazza Affari chiude anch’essa in progresso. L’indice Ftse MIB delle blue chip registra un incremento dello 0,9% circa. A fare da traino sono i titoli del settore bancario e Prysmian, mentre sono in controtendenza Buzzi Unicem, Fca e Atlantia.