Mercati dubitano di Trump, arrivano spenti a test banche centrali

21 Agosto 2017, di Daniele Chicca

Mercati in cerca di direzione in un clima di avversione al rischio. Questa settimana potrebbe insomma essere la volta buona per vedere un ritracciamento duraturo delle Borse. Investitori sempre più disaffezionati all’azionario – sono stati disinvestiti 1,3 miliardi di dollari dai fondi azionari nella settimana conclusasi il 16 agosto – potrebbero dare il via alle vendite sui mercati, in particolare per via dell’incertezza legata alla politica interna americana e alle politiche monetarie. L’agenda dell’amministrazione Trump, che avrebbe dovuto essere caratterizzata da misure pro crescita e pro aziende, è in discussione dopo l’ennesimo rimpasto in seno al governo. Lo stratega Steve Bannon, tra i principali artefici della vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali Usa, è stato allontanato dopo la gestione disastrosa delle violenze di Charlottesville. Dopo i commenti controversi del presidente statunitense, i mercati dubitano che Trump sia capace di concentrarsi sulle misure di stimolo economico e fiscale senza farsi distrarre da polemiche futili.

Le turbolenze a Washington D.C. e le difficoltà incontrate dal governo nell’ottenere l’approvazione del Congresso alle misure proposte, fanno capire che Trump farà fatica a varare i grandi piani di taglio fiscale e di maxi investimento nelle infrastrutture promessi a cavallo tra il 2016 e il 2017. A Jackson Hole in settimana si riuniscono i principali banchieri al mondo, tra cui Janet Yellen e Mario Draghi. Quest’ultimo, preoccupato da un’inflazione sottotono, vorrebbe prolungare il QE ma potrebbe essere costretto a un tapering forzato del bazooka monetario. Il tutto mentre dal fronte geopolitico gli attentati in Spagna e le minacce di un conflitto nucleare tra la Corea del Nord e il mondo occidentale continuano a pesare sul sentiment dei mercati. La Borsa giapponese ha perso lo 0,44%, scendendo dai livelli più alti da fine gennaio. Sul Forex l’euro è debole nei confronti del dollaro ($1,1744), mentre tra i mercati delle materie prime, il petrolio cala e l’oro sale. A Piazza Affari FCA in evidenza dopo che i cinesi di Great Wall Motor hanno manifestato interesse per il brand Jeep.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di Borsa nel mese di agosto sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 21 Agosto 201715:36

Wall Street ha aperto gli scambi poco variata, con gli operatori mercato che temono un ritracciamento di fine estate. Le Borse europee intanto continuano a scambiare in calo, innervosite dalle tensioni geopolitiche. 

Daniele Chicca 21 Agosto 201715:38

Nonostante l’innalzamento delle tensioni sul fronte nordcoreano e dopo gli attentati di Barcellona, i prezzi del petrolio oggi viaggiano in ribasso, per via dei soliti problemi in termini fondamentali.

Daniele Chicca 21 Agosto 201715:40

Le notizie di M&A stanno sostenendo alcuni singoli titoli. La storia di giornata, più ancora dell’interesse manifestato dalla cinese Great Wall per il marchio Jeep di FCA, è quella riguardante la vendita a Total degli asset petroliferi e del gas appartenenti a Maersk (+3,7% circa). La compagnia energetica francese ha sborsato poco meno di $7,5 miliardi in un’operazione in debito e azioni.

Daniele Chicca 21 Agosto 201717:22

Circa mezz’ora prima della chiusura i mercati azionari europei cedono mezzo punto percentuale circa (Ftse MIB -0,49%). Wall Street è poco mossa al momento (Dow Jones +0,01%).

Daniele Chicca 21 Agosto 201718:31

Chiusura in rosso per le principali Borse europee.