trend Geopolitica

trend immagine a corredo

Geopolitica

La geopolitica è la disciplina che si occupa dell’osservazione e dello studio dei fenomeni che intercorrono fra la geografia fisica, i popoli e le azioni politiche intraprese dai governi.

Nonostante sia una disciplina che ha i suoi natali all’inizio del secolo scorso, non è mai stata fissata una definizione univoca per identificarla.

Si tratta di una branca distinta rispetto alla geografia politica, con la quale viene spesso confusa. Il primo ad utilizzare questo termine è lo studioso svedese Rudolf Kjellen, nel 1904, il quale con “geopolitica” si riferiva originariamente allo sfruttamento della conoscenza geografica, da parte degli Stati, alfine di perseguire i propri obiettivi nazionali.

La differenza sostanziale fra la geografia politica e la geopolitica è ravvisabile nel piano temporale su cui si svolgono gli studi: con il primo termine si intende lo studio di una serie di fenomeni conclusi, i quali hanno però ripercussioni attuali; la seconda, invece, analizza situazioni correntemente in evoluzione, tentandone un’interpretazione e formulando previsioni sulle ripercussioni che queste avranno nel futuro.

La geopolitica è, perciò, un ramo della geografia che affonda le sue radici nell’attualità.

immagine di corredo

Tutti gli articoli

Guerra Russia-Ucraina, come finirà il conflitto secondo gli europei (e italiani)

A poco più di due anni dall’invasione di Mosca, ecco cosa pensano gli europei sugli esiti finali del conflitto e sul peso che sullo stesso avrà un eventuale ritorno di Trump alla Casa Bianca

Israele: raccolta record di $ 8 mld nella prima emissione di bond dal 7 ottobre

Nonostante la recente bocciatura di Moody’s sul rating sovrano, il Paese raccoglie fondi record per finanziare il deficit dell’economia in guerra

Botta e risposta Trump-Nato, Stoltenberg: “record di spesa militare”

Il segretario generale della Nato prova a mettere a tacere le critiche del candidato repubblicano, annunciando che 18 Stati membri spenderanno per la difesa il 2% del loro Pil nel 2024. Non c’è l’Italia

Taiwan: Pechino si scalda per la vittoria di Lai ma temporeggia nel concreto

Dopo la vittoria di Lai Ching-te alle presidenziali di Taiwan, gli analisti non si aspettano un’immediata reazione muscolare di Pechino

Taiwan: ecco perché il voto del 13 gennaio influirà sul mondo

Il 13 gennaio Taiwan andrà al voto per scegliere il nuovo presidente e rinnovare il Parlamento: i candidati e i possibili scenari geopolitici

La crisi nel Mar Rosso farà deragliare i tagli dei tassi?

I problemi alle catene di approvvigionamento nel Mar Rosso porteranno inflazione e ritardi nei tagli dei tassi? Risponde Schroders

Crisi Medio Oriente: le conseguenze per i mercati finanziari

L’impatto sui mercati azionari della crisi in Medio Oriente è stato finora poco percepibile, ma LFDE nel 2024 prevede mare agitato sui mercati