Borsa Milano nervosa, ma un aiuto arriva dalla Bce

18 Agosto 2016, di Laura Naka Antonelli

MILANO (WSI) – Borsa Milano chiude in progresso una seduta nervosa, caratterizzata da forti oscillazioni. Il mercato, che dipende sempre dal trend dei titoli bancari, punta ancora una volta su un intervento delle banche centrali. Ftse Mib accoglie in ogni modo con favore le minute della Fed e grazie al rally di Mediaset tiene bene nonostante i sell sui titoli bancari, in particolare su Mps, il cui titolo testa nuovi minimi assoluti. Sono i verbali della Bce seguiti da un commento del Financial Times che permettono all’azionario di risollevarsi, scommettendo su nuovi aiuti da Mario Draghi.

La speranza di una ripresa dell’economia è sostenuta anche dagli ultimi dati macro e in particolare dal superindice economico Usa, pubblicato oggi a Wall Street insieme alle richieste di sussidio di disoccupazione e all’indice Philly Fed. Le indicazioni non sono del tutto rassicuranti, e certo sullo sfondo rimane una certa cautela, se si considera anche la nota di Moody’s sull’economia Usa e sul rischio rappresentato dalle elezioni presidenziali di novembre.

Sul fronte Fed, nessun segnale preciso è stato inviato dalle minute della Banca centrale americana. Piuttosto, l’impressione è che la Fed continui a brancolare sul fronte dei tassi, lanciando messaggi contrastati. Le minute relative al meeting del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, del 26-27 luglio, mettono in evidenza come i funzionari della Fed temano da un lato i rischi legati a un contesto di tassi troppi bassi. Ma dall’altro lato gli stessi vogliono prendere tempo per valutare lo stato di salute dell’economia Usa e non si mostrano neanche tanto preoccupati delle ripercussioni che un rialzo dell’inflazione potrebbe produrre.

Risultato: sul mercato valutario il dollaro perde terreno, con il rapporto dollaro-yen che scende di nuovo anche sotto JPY 100, fino a JPY 99,62, nelle contrattazioni asiatiche. L’euro torna sopra $1,13. In Asia la Borsa di Tokyo ha scontato l’apprezzamento dello yen e chiude in rosso. Scattano gli acquisti su valute e azionario dei mercati emergenti e anche europei. A tal proposito, la stessa Moody’s ha rivisto al rialzo l’outlook per le economie emergenti del G40 al +4,4% nel 2016 e +5% per il 2017.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 20169:43

Avvio positivo per l’azionario europeo, con gli investitori che scommettono su nuovi rinvii da parte della Fed nel percorso di rialzo dei tassi. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib sale +0,59%, a quota 16.625,49 punti. Questi i titoli migliori dello Stoxx Europe 600, l’indice di riferimento dell’azionario europeo. Boom di acquisti sul titolo Vestas Wind, produttore danese di turbine eoliche, che nel secondo trimestre ha assistito a un fatturato record di 2,6 miliardi di euro,e che ha aumentato le stime per l’intero anno. 

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 20169:46

Rimane l’incertezza sulle banche italiane, nonostante la buona performance di Piazza Affari. In rosso BPM -0,65% e BP -0,73%, a fronte di rialzi che interessano Mps -1,54%, Bper +0,83%, Intesa SanPaolo è debole con +0,11%, Ubi Banca +1,15%, Mediobanca -0,16%, Unicredit anch’essa debole con +0,19%. Tra i titoli di altri settori, Cnh Industrial +1,21%, Exor +0,92%, Mediaset +2,32%, Recordati +0,95%, Poste Italiane +0,79%. 

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 20169:47

I titoli peggiori in Europa. Tra questi quello del titolo del colosso retail inglese Kingfisher, che ha dichiarato che la Brexit ha provocato incertezza sul futuro e che rimane cauto nel breve termine.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201610:26

Il sentiment positivo in Europa è sostenuto anche dall’andamento dei futures sugli indici Usa, che indicano la strada dei rialzi.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201611:27

Tornando ai mercati asiatici, a fronte del calo della Borsa di Tokyo, zavorrata dall’ennesimo rialzo dello yen e da dati macro decisamente negativi relativi alle importazioni ed esportazioni, l’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in rialzo +0,98% a 23.023,16 punti. Giù invece Shanghai con -0,17% a 3.104,11 punti.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201612:28

Sterlina ben comprata dopo il buon dato relativo alle vendite al dettaglio nel Regno Unito. La valuta britannica guadagna quasi +1% nei confronti del dollaro. Il dato, relativo al mese di luglio, è salito +1,4% su base mensile, rispetto al +0,2% atteso. Su base annua, la performance è stata di un balzo +5,9%.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201613:11

Contrastata la performance dei prezzi del petrolio.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201615:32

Numeri ancora contrastati dal fronte macro Usa. Il dato noto con il nome di Philly Fed, che monitora il trend dell’attività manifatturiera dell’area di Philadelphia, è tornato in territorio positivo nel mese di agosto, salendo a 2 punti dai -2,9 punti di luglio. Molto male la performance di diversi sottoindici, come quello dei nuovi ordini (da 11,8 di luglio a -7,2 ad agosto) e dell’occupazione. Il sottoindice che indica il trend dell’occupazione, in particolare, è scivolato al minimo in sette anni, con un tonfo di 18 punti a -20 punti, minimo del 2016.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201615:37

Avvio praticamente piatto per Wall Street. Investitori cauti, dopo la pubblicazione delle minute da parte della Fed e gli ultimi dati arrivati dal fronte economico Usa: il Philly Fed e le richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione. Queste ultime sono scese di 4.000 unità, a conferma del miglioramento del mercato del lavoro (tuttavia messo in dubbio dalla stessa performance del sottoindice dell’occupazione del Philly Fed). Di fatto le richieste dei sussidi di disoccupazione sono calate di 4.000 unità al minimo in un mese, a quota 262.000 unità. Il dato oscilla al minimo in 43 anni.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201615:37

Dati Philly Fed e richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione messi a confronto.

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201616:44

Il dato relativo al superindice Usa e la pubblicazione dei verbali da parte della Bce – che portano i mercati a sperare in nuove manovre espansive – incidono sull’azionario italiano, che risale dai minimi. In particolare secondo il Financial Times la Bce, considerata la minaccia Brexit e le sue conseguenze imprevedibili, potrebbe decidere di agire già a settembre. Dopo aver azzerato i guadagni scontando le eterne preoccupazioni sulle banche, il Ftse Mib torna a recuperare terreno, salendo +0,70% circa. 

Laura Naka Antonelli 18 Agosto 201616:50

Sul Ftse Mib i titoli bancari limano le perdite. Ubi Banca +0,35%, Unicredit -0,39%, Mediobanca -0,71%. Vendite ancora pesanti su Mps, che cede -2,84% dopo aver testato i nuovi minimi. La banca ha ormai una capitalizzazione di appena 678 milioni di euro, contro i 5 miliardi di euro di aumento di capitale che deve lanciare. I titoli migliori del Ftse Mib rimangono Mediaset, oltre +5%, e Prysmian, +2,58%.

Daniele Chicca 18 Agosto 201617:44

In chiusura dei mercati europei, sul valutario il cambio euro dollaro quota $1,1331, mentre tra le materie prime il contratto sul petrolio Wti sale del 2,56% a 47,98 dollari al barile. È di nuovo mercato toro per il greggio, i cui prezzi hanno anche superato quota 48 dollari nel corso della giornata.

Daniele Chicca 18 Agosto 201617:45

Chiusura positiva per le Borse europee. Il rialzo è contenuto, in linea con la performance di Wall Street. A spingere i listini sono in parte i dati macro diffusi nel pomeriggio in Usa. L’indice EuroStoxx50 termina la seduta in rialzo dello 0,4% circa, trainato dai titoli Inditex, Eni e Schneider Electric mentre sono in controtendenza Airbus, L’Oreal ed Essilor.

Daniele Chicca 18 Agosto 201617:50

Piazza Affari fa meglio delle altre Borse europee, con l’indice Ftse MIB che ha guadagnato lo 0,9% circa . Spingono al rialzo Mediaset, forte di un progresso di circa cinque punti percentuali dopo le voci di una nuova offerta di Vivendi, Azimut e Stm mentre sono in controtendenza alcune banche, come Mps, Pop Milano e Mediobanca.

Daniele Chicca 18 Agosto 201617:51

Piazza Affari fa meglio delle altre Borse europee, con l’indice Ftse MIB che ha guadagnato lo 0,9% circa . Spicca il rialzo di Mediaset, in progresso di circa cinque punti percentuali dopo le voci di una nuova offerta di Vivendi. Buy anche su Azimut e Stm, mentre sono in controtendenza alcune banche, come Mps, Pop Milano e Mediobanca.