Bitcoin, scivolone nel weekend sotto i 20 mila dollari. Ma il bull market non è ancora finito

20 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Il Bitcoin (BTC) è stato recentemente scambiato a circa $20.500, in aumento di oltre l’5,5% rispetto alle 24 ore precedenti. Nella giornata di ieri, la criptovaluta più grande per capitalizzazione di mercato era scesa sotto i 17.800 dollari, il livello più basso da metà dicembre 2017.

Ether (ETH), la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, ha seguito un modello di prezzo simile, crollando a un minimo di quasi cinque anni al di sotto di $1.000 prima di riprendersi. Al momento è circa a $1.130, in aumento di oltre l’8% rispetto al giorno precedente.

“Avevamo contrassegnato $19.000 – $20.000 e $16.000 – $17.000 come aree di interesse e Bitcoin è rimbalzato da quest’ultimo”, ha scritto Joe DiPasquale, ceo del gestore di fondi BitBull. “Tuttavia, a meno che non mantenga con successo $20.000 con volumi e offerte elevati, non ci aspettiamo che il rally continui“.

Mercati ancora tesi

Il Nasdaq, ha chiuso una settimana altrimenti terribile per i titoli con un modesto aumento dell’1,4% venerdì, mentre l’S&P 500 ha segnato una frazione di punto percentuale. L’S&P, che include una considerevole componente tecnologica, è crollato del 5,8% per la settimana ed è entrato nel territorio del mercato ribassista, il che significa che è in ribasso di almeno il 20% dal suo massimo precedente. Il Dow Jones Industrial Average è leggermente sceso.

Gli investitori rimangono preoccupati per l’inflazione elevata, che ha raggiunto il massimo da 40 anni a maggio, le continue ricadute economiche dell’invasione russa dell’Ucraina e la crescente probabilità di una recessione globale. Mercoledì scorso la Fed ha rialzato i tassi di interesse con l’incremento più alto in più di un quarto di secolo: tre quarti di punto percentuale. Si tratta del suo ultimo passo per arginare l’aumento dei prezzi. Anche altre banche centrali hanno recentemente aumentato i tassi a causa dei continui aumenti dei prezzi dell’energia.

Nel frattempo, anche i mercati delle criptovalute hanno dovuto digerire una serie di debacle che si è protratta fino all’inizio di maggio, quando la stablecoin algoritmica TerraUSD (UST) è crollata. La scorsa settimana, la piattaforma di prestito di criptovalute Celsius ha annunciato che stava interrompendo i prelievi e l’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital sta affrontando una possibile insolvenza dopo aver subito almeno $400 milioni di liquidazioni.

Coinbase e una serie di altri importanti exchange di criptovalute hanno anche annunciato forti tagli di posti di lavoro. L’indice Fear&Greed è rimasto nel territorio della paura estrema per settimane e ora è a 6, vicino al minimo storico su una scala da zero a 100.

DiPasquale di BitBull prevede volatilità nei prezzi delle criptovalute nei prossimi giorni a causa della scadenza delle opzioni, ma ha aggiunto che “è probabile che il trend macro rimanga ribassista fino a quando non vedremo la Federal Reserve cambiare o almeno allentare la sua posizione nella riunione del FOMC di luglio”.

Il bitcoin non è una riserva di valore, ma un asset speculativo

L’oro batte la sua versione digitale. Bitcoin è chiamato dai suoi “forti” sostenitori l’ultima riserva di valore: una sorta di versione digitale dell’oro che ne mantiene tutte le migliori caratteristiche come copertura dall’inflazione, pur essendo più efficiente e liquido grazie alla tecnologia blockchain.

La fiducia in questo paradigma è stata messa alla prova. Infatti, rispetto all’oro, Bitcoin è in calo di oltre il 55% da inizio anno. L’oro, al contrario, è in rialzo del 2,45%, e poiché Bitcoin ed Ether hanno concluso la settimana in Asia tentando una rottura al di sotto rispettivamente di $ 20.000 e $ 1.000, i dati mostrano che il peggio potrebbe ancora venire.

I dati on-chain individuati da CryptoQuant, mostrano che molti Bitcoin sono in movimento. Ki Young Ju di CryptoQuant crede che si tratti di cripto hedge fund che stanno preparando posizioni long o market maker che riempiono liquidità per eseguire ordini di vendita per i loro clienti. “Per quel che vale, sono ribassisti a breve termine in entrambi i casi”, ha twittato.