legge elettorale pagina 5

Elezioni anticipate in autunno, Renzi punta su M5S e Berlusconi

Pur di votare il più presto possibile l’ex premier è pronto a scendere a patti con gli avversari. Alfano potrebbe sabotare la legge elettorale perché rischia di restare fuori dal Parlamento

Legge elettorale alla tedesca: rischio ingovernabilità

Il sistema elettorale alla tedesca non comporta rischi di ingovernabilità in Germania, almeno nell’immediato, ma in Italia si.

Legge elettorale: in aula il 5 giugno

La legge elettorale approderà in aula non più il 29 maggio ma il 5 giugno

Legge elettorale, Renzi: “Approvata i primi di giugno”

Il segretario del Pd da Facebook lancia appello alle altre forze politiche e anche l’ex capo di Stato Napolitano si intromette e chiede collaborazione

Legge elettorale: ritirato il testo base

L’Italicum bis, il testo base della legge elettorale, è stato ritirato

Legge elettorale: condanna “costituzionale”

Nel tentativo di garantire una certa continuità che ormai dura da settant’anni, anche la Corte costituzionale, con la sentenza del 25 gennaio 2017, si è adeguata: l’Italia deve continuare a rimanere senza Governo. Con la semi bocciatura dell’Italicum e dichiarando incostituzionale il “ballottaggio“, la Corte ha di fatto condannato il nostro Paese alla ingovernabilità. In

Legge elettorale: passa la proposta del M5S. Testo base è Italicum bis

Il testo base della legge elettorale su cui partire è l’Italicum bis così come aveva proposto il M5S al Pd che invece aveva respinto l’idea

Legge elettorale, Italicum corretto: manca solo ok PD

Obiettivo resta presentare domani testo base ma manca l’approvazione del partito al governo. M5S e Forza Italia d’accordo. Premio maggioranza al 40%.

Legge elettorale: M5S presenta proposta al PD

Il M5S ha presentato al Pd l’accordo per modificare la legge elettorale

Legge elettorale alla tedesca: la proposta del Pd

Nel Pd si starebbe valutando l’opzione di passare ad un sistema simil-tedesco che avrebbe come punto cruciale la soglia di sbarramento al 5% che di fatto spazzerebbe via i partiti più piccoli