Powell: “la legge è chiara, Trump non può licenziarmi”

11 Marzo 2019, di Mariangela Tessa

Dopo i numerosi attacchi ricevuti da parte di Donald Trump sulla sua strategia in materia di tassi di interesse, il presidente della Fed, Jerome Powell, chiarisce una volta per tutte, che le critiche non gli impediranno di portare a termine il suo mandato:

“La legge è chiara: ho mandato di quattro anni e intendo svolgerlo per intero” ha detto il numero uno della banca centrale Usa, in un’intervista a ‘ ”60 Minutes”. A chi lo incalza chiedendogli se ritiene che Trump possa licenziarlo, Powell ha riposto secco: “No”.

Fed, Powell: “non abbiamo fretta sui tassi”

Passando al capitolo tassi, Powell ha poi confermato la politica monetaria della Fed è appropriata e, al momento, è corretto essere pazienti, il che vuol dire che “non c’è nessuna fretta” nel rivedere i tassi di interesse.

“Pazienza vuole dire che non abbiamo alcuna fretta di rivedere i tassi di interesse” spiega. “Quello che è accaduto negli ultimi 90 giorni è che abbiamo raccolto prove sul rallentamento dell’economia globale.

Molto dipenderà dagli sviluppi economici, soprattutto fuori dagli Stati Uniti. Jerome Powell, di una cosa è sicuro: la pausa nella corsa ai rialzi del costo del denaro non è stata innescata dalle critiche di Donald Trump. Nei mesi scorsi il presidente Usa ha accusato Powell di rallentare la crescita statunitense, alzando troppo i tassi di interesse.