Standard Chartered: “Possibile tonfo prezzi petrolio fino a $10”

12 Gennaio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Prezzi del petrolio in caduta libera fino a $10? E’ quanto ritengono possibile gli analisti di Standard Chartered, all’indomani della nota con cui la banca americana Morgan Stanley ha illustrato uno scenario in cui le quotazioni potrebbero scivolare fino a $20 al barile.

Standard Chartered motiva le sue previsioni con il rafforzamento del dollaro e il pessimismo sul mercato azionario: questi due elementi, a suo avviso, potrebbero zavorrare ulteriormente i prezzi del petrolio, portandoli a livelli mai visti dal 1999.

“Dal momento che al momento non esiste nessuna relazione sul lato dei fondamentali che stia portando il mercato del petrolio verso una qualsiasi forma di equilibri, i prezzi sono mossi quasi interamente dai flussi finanziari che derivano dalle fluttuazioni dei prezzi di altri asset, inclusi il dollaro e i mercati azionari. Crediamo che i prezzi potrebbero scendere fino a un minimo di $10 al barile, prima che la maggior parte dei gestori di fondi ammettano che il calo è stato eccessivo”.