Germania: inflazione a minimo dal 2009. In Eurozona +0,2%. Piano Draghi non funziona

19 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

Brusca frenata nel 2015 per i prezzi al consumo della Germania. Scende allo 0,3% dal +2,1% del 2011 l’inflazione, arrivando così sui livelli più bassi dal 2009 quando si registrò un +0,3%. Nel mese di dicembre si è registrato invece un aumento dello 0,3% su anno, risultando inferiore al +0,4% di novembre. Variazione negativa, dunque, per i prezzi al consumo su base mensile -0,1%.

A pesare è stato il forte calo registrato dai prezzi dei prodotti energetici, che sono scesi nell’anno del 7% rispetto al -2,1% del 2014. Al netto dei prezzi energetici, l’inflazione è salita dell’1,1% nel 2015.

Sempre sul fronte macro, reso noto anche il dato sull’Eurozona: l’inflazione dell’area è salita +0,2% su base annua, in linea con le attese. Su base mensile, la performance è stata invariata. Il dato di novembre è stato rivisto al ribasso su base annua da +0,2% inizialmente comunicato a +0,1%. I livelli sono in ogni caso decisamente inferiori rispetto al target stabilito dalla Bce e pari al 2%.