Borsa Milano snobba taglio Fitch. Boom scommesse short sull’euro

di Laura Naka Antonelli
Pubblicato 24 Ottobre 2016 • Aggiornato 25 Ottobre 2016 09:00

Azionario globale positivo, in attesa della pubblicazione di altri bilanci sia di aziende Usa che europee.

Attenzione al forex dove la continua ascesa del dollaro mette sotto pressione l’euro e neanche il dato relativo all’indice Pmi Composite dell’Eurozona – oltre le stime e al ritmo di espansione più forte di quest’anno – riesce a sostenere più di tanto la moneta unica.

In un contesto in cui un rialzo dei tassi Usa appare sempre più probabile, aumentano le scommesse short sull’euro, che accusa anche le dichiarazioni arrivate da Mario Draghi, numero uno della Bce, la scorsa settimana, che ha segnalato l’intenzione di proseguire il piano di Quantitative easing oltre il mese di scadenza del marzo 2017.

Stando a quanto riporta Bloomberg, gli speculatori hanno portato le loro scommesse shot sull’euro al record dallo scorso luglio. Sempre sul forex, occhio allo yuan, vicino a testare il minimo record sui mercati offshore sulla scia dell’accelerazione della fuga di capitali dalla Cina.

Petrolio in ritirata, dopo che l’Iraq ha manifestato la contrarietà ad aderire al piano dell’Opec teso a ridurre la produzione.

A Piazza Affari, attenzione sempre MPS, reduce da un rialzo di ben il 56% sull’ indice Ftse Mib di Piazza Affari, la scorsa settimana, con gli investitori che scommettono sia sull’efficienza del piano di rilancio da parte di Marco Morelli, nuovo AD dell’istituto, che sul piano per salvare la banca che porta la firma di Corrado Passera. Boom delle quotazioni anche nella sessione odierna, con il titolo che è balzato anche oltre +31%.

Il Ftse Mib ignora l’annuncio di Fitch, arrivato venerdì alla fine delle contrattazioni a Piazza Affari. L’agenzia di rating ha tagliato l’outlook dell’Italia a “negativo” da “stabile”, citando come motivazioni la crescita delle incertezze politiche e la presenza di rischi al ribasso. Fitch ha confermato comunque la valutazione a «BBB+», pur sottolineando che l’economia italiana è rimasta comunque ferma nel secondo trimestre, anche se tornerà a crescere nel terzo. “Il pil italiano è attualmente sopra i livelli del 2000 e il 7% al di sotto del picco del 2007, la peggiore performance nell’area euro ad esclusione della Grecia”..

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

 

 

Il Liveblog è terminato