“I contanti sono la valuta delle libertà”

1 Marzo 2016, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – I contanti sono la valuta che ci consente di conservare le nostre libertà. Ne è convinto un professore di legge dell’Università del Tennessee, secondo cui più la Federal Reserve stampa moneta per creare inflazione e abbassare i debiti da pagare in dollari, più il governo è in grado di assumere un maggiore controllo, manipolando contribuenti e risparmiatori.

In un controverso editoriale apparso sul Washington Post, l’ex segretario del Tesoro Usa Larry Summers ha proposto di abolire dalla circolazione le banconote da 100 dollari. Secondo Glenn Harlan Reyonds bisognerebbe invece fare esattamente l’inverso e riabilitare le banconote da 500 e 1.000 dollari. Il motivo è che “persone come Summers hanno fatto male il loro lavoro”.

“L’inflazione aiuta i debitori e il governo è uno dei debitori maggiori al mondo”, ecco perché vogliono eliminare le banconote. “Ma in un periodo in cui i tecnocrati ed esperti di economia come Larry Summers stanno commettendo errori, è ragionevole chiedersi: perché dovremmo dare loro un maggiore controllo sull’economia?”

“Per quale ragione è lecito aspettarsi che utilizzino quel controllo in maniera giusta e competente? I risultati da loro ottenuti sin qui sono ben poco entusiasmanti”.

I motivi per cui governi e banche centrali vogliono liberarsi delle banconote sono due principalmente. In primo luogo consentirebbe loro di esercitare un maggiore controllo sui cittadini.

Tra i motivi dietro al tentativo di abolizione dei contanti vengono citati spesso la lotta alla criminalità, al terrorismo e all’evasione fiscale, ma quello che vogliono ottenere le autorità è riuscire a sorvegliare tutti noi, per ragioni politiche, fiscali e di regolamentazione delle transazioni.

In secondo luogo, costringendo i cittadini a parcheggiare i contanti in loro possesso presso le banche, possono costringerli a spendere i loro soldi (e pertanto “stimolare” l’economia”) imponendo tassi di interesse negativi. “Il denaro che rimane depositato in banca si svaluta, il che offre un valido incentivo per spenderlo” piuttosto che tenerlo congelato in un conto corrente.

I contanti hanno tante virtù, secondo il professore di diritto. Innanzitutto consentono alla gente di effettuare bonifici e altre transazioni monetarie senza dover chiedere il permesso a nessuno. “Per i governi questo è un comportamento sospetto, ma per noialtri si tratta di qualcos’altro: di libertà”.

Fonte: USA Today