Gestore miliardario: Borsa raddoppierà in 13 anni

13 Giugno 2017, di Daniele Chicca

Come conseguenza delle politiche monetarie accomodanti e dei prezzi del petrolio che rimarranno bassi per “un lungo periodo di tempo”, l’economia americana e anche il mercato azionario raddoppieranno di valore nel giro di 13 anni. Ne è convinto l’investitore miliardario Ron Baron.

In un’opinione contrarian rispetto a quella generale Baron, facendo eco alle parole pronunciate di recente da un altro navigato investitore ottuagenario, il fondatore del fondo Vanguard Jack Bogle, ha detto che i prezzi di Borsa sono più economici di quelli che dovrebbero essere se si pensa alle prospettive economiche future e che investire in Borsa è ancora una scommessa vincente.

Baron, 84enne manager di una società che ha 23 miliardi di asset in gestione, ha dichiarato che “con i tassi di interesse e i prezzi del petrolio più bassi di quello che si pensa, l’economia crescerà a un ritmo più sostenuto di quanto avverrebbe altrimenti”.

Baron è ottimista sul mercato azionario in generale, precisando che non guarda ai movimenti di prezzo giornalieri bensì all’ottica a lungo termine. Il gestore ritiene che il Pil Usa è “sottovalutato in maniera significativa“.

“Quello che facciamo è esaminare le società e cercare di investire nei titoli a un punto di ingresso vantaggioso, quando stimiamo di potere raddoppiare il capitale investito nel giro di cinque-sei anni. Sul lungo termine la nostra strategia ha avuto successo”, ha spiegato alla CNBC (vedi video qui sotto).

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Donald Trump avrebbe detto alla presidente della Federal Reserve che anche lui è una persona a cui piacciono condizioni monetarie accomodanti. Stando alle fonti citate dal quotidiano finanziario durante un incontro a cui era presente anche il direttore del consiglio di economia nazionale Gary Cohn, il presidente degli Stati Uniti avrebbe detto a Janet Yellen di considerarla “una persona favorevole ai tassi di interesse bassi come me”.