FTX, Musk: “Bankman-Fried non possiede nessuna azione Twitter”

24 Novembre 2022, di Alessandra Caparello

Sam Bankman-Fried? Non ha nessuna azione di Twitter. Ci tiene a precisarlo Elon Musk, il numero uno del social media, mettendo così le cose in chiaro riguardo al fondatore di FTX, caduto in disgrazia dopo il fallimento del suo exchange di criptovalute, e al suo presunto possesso di azioni di Twitter.

In una serie di tweet, Musk ha smentito una notizia “falsa” secondo la quale Bankman-Fried avrebbe scambiato i suoi 100 milioni di dollari di azioni di Twitter quando era quotata, con azioni private. Musk ha così screditato un rapporto di Liz Hoffman, giornalista di “Semafors”, che sosteneva che Bankman-Fried “possiede una parte considerevole di Twitter, ora di proprietà privata e indebitata”. Hoffman ha citato un “bilancio di FTX preparato dopo la chiusura dell’acquisizione il 28 ottobre e distribuito agli investitori all’inizio del mese”.

“SBF/FTX non possiede azioni di Twitter”, ha dichiarato Musk in un tweet in risposta alla notizia. E ha aggiunto: “C’è stato un tempo in cui ci si preoccupava della verità. È passato da tempo”. In un altro tweet, Musk ha definito l’affermazione “completamente falsa” e ha detto che non c’era “nessuna zona grigia” sul fatto che FTX o Bankman-Fried possedessero azioni della sua società. Musk ha ulteriormente smentito le affermazioni che sono circolate su Twitter.

Il caporedattore di “Semafors” Ben Smith ha difeso la notizia data dal suo giornale e ha prodotto il presunto scambio privato tra Musk e Bankman-Fried, in cui Musk sembra incoraggiare il fondatore di FTX a fare rollover delle sue azioni. Musk ha risposto negando nuovamente che il rollover sia mai avvenuto. “Tutti gli azionisti di Twitter potevano contribuire con le loro azioni al capitale di Twitter come società privata, ma lui non l’ha fatto”, ha scritto. “Il loro resoconto ha fatto falsamente sembrare che l’abbia fatto, mentre in realtà ne possiede lo 0%”. Al tweet di Smith è stato poi aggiunto il flag “contesto aggiunto”.

All’inizio della giornata, Musk ha screditato un’affermazione simile pubblicata da Business Insider. “Sam Bankman-Fried avrebbe posseduto una quota di 100 milioni di dollari nel Twitter di Elon Musk”, si leggeva in un titolo del giornale. Musk ha risposto: “Business Insider non è una vera pubblicazione”.

Il tracollo di FTX: cosa è successo

FTX è fallita a inizio novembre dopo che Bankman-Fried ha faticato a reperire fondi di emergenza dopo che la borsa di criptovalute è finita sotto la supervisione delle autorità di regolamentazione. La società non è riuscita a proteggere i propri clienti e investitori, che stanno subendo perdite per miliardi di dollari.

Fino a 1 milione di investitori, fra istituzionali e retail, per una perdita potenziale stimata in 30 miliardi di dollari. La società aveva un un patrimonio netto iniziale di 26,5 miliardi di dollari, ora precipitato a meno di un miliardo di dollari: uno dei crolli più veloci di sempre dalla lista dei miliardari di “Forbes”.

L’ex amministratore delegato di FTX, Sam Bankman-Fried, ha attribuito la colpa delle sue “decisioni irrazionali” a circostanze “di m***a” in una lettera ottenuta dalla CNBC e inviata ai dipendenti della società fallita. Bankman-Fried ha affermato di essersi “bloccato di fronte alle pressioni e alle fughe di notizie”, mentre il suo impero crittografico perdeva rapidamente la fiducia degli investitori e i clienti ritiravano rapidamente miliardi di dollari dalla piattaforma. “Ho perso di vista le cose più importanti nel frastuono della crescita aziendale. Tengo molto a tutti voi, eravate la mia famiglia, e mi dispiace”, ha scritto nella lettera riportata dall’emittente.