FTX dichiara il fallimento in Usa. Bankman-Fried si dimette

11 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

L’exchange di criptovalute FTX di Sam Bankman-Fried ha presentato istanza di fallimento secondo il Chapter 11 negli Stati Uniti. L’ha reso noto la società con un post su Twitter.

 

Bankman-Fried (nella foto sopra) si è dimesso dalla carica di ceo ed è stato sostituito da John J. Ray III, anche se il capo uscente rimarrà per assistere nella transizione. Circa 130 ulteriori società affiliate fanno parte del procedimento, tra cui Alameda Research, la società di trading di criptovalute di Bankman-Fried e FTX.us, la filiale statunitense della società.

Nella dichiarazione di fallimento di 23 pagine, FTX indica di avere più di 100 mila creditori, attività comprese tra 10 miliardi e 50 miliardi di dollari, nonché passività comprese tra 10 miliardi e 50 miliardi di dollari. Bankman-Fried ha anche indicato di voler nominare Stephen Neal come nuovo presidente del consiglio di amministrazione dell’azienda.

“Il Chapter 11 è appropriato per fornire al gruppo FTX l’opportunità di valutare la propria situazione e sviluppare un processo per massimizzare i recuperi per le parti interessate”, ha affermato il nuovo capo di FTX, Ray. “Il Gruppo FTX dispone di risorse preziose che possono essere amministrate in modo efficace solo in un processo organizzato e congiunto. Voglio garantire a ogni dipendente, cliente, creditore, contraente, azionista, investitore, autorità governativa e altre parti interessate che condurremo questo sforzo con diligenza, completezza e trasparenza”, ha continuato Ray.

Ha aggiunto che le parti interessate dovrebbero capire che gli eventi sono stati  rapidi, che il nuovo team è stato coinvolto solo di recente e che dovrebbero rivedere i materiali archiviati all’atto del procedimento nei prossimi giorni. Cala così il sipario su una settimana tumultuosa per uno dei più grandi nomi ed exchange del settore.

Nel giro di pochi giorni, FTX è passata da una valutazione di 32 miliardi di dollari al fallimento quando la liquidità si è esaurita, i clienti hanno chiesto prelievi e l’exchange rivale Binance ha strappato il suo accordo non vincolante per l’acquisto della società.

Perché FTX è fallita

Il fallimento di FTX è stato innescato la scorsa settimana dalle rivelazioni che il bilancio di Alameda Research, società di trading fondata sempre da Samuel Bankman-Fried, aveva un debito di 8 miliardi di dollari erogati da FTX, in gran parte garantito da FTT, token emessi proprio da FTX. Ciò implicava che qualsiasi volatilità nel prezzo del token avrebbe potuto mettere in pericolo l’impero di Bankman-Fried.

I clienti di FTX hanno ritirato 6 miliardi di dollari nelle 72 ore successive, costringendo l’exchange a limitare e poi bloccare i prelievi, nel tentativo di contenere la “corsa agli sportelli”. Binance, il più grande exchange di criptovalute, ha annunciato domenica che avrebbe venduto le sue partecipazioni per un valore di circa 500 milioni di dollari in FTT, alla luce delle “recenti rivelazioni”.

Il valore di FTT è successivamente sceso molto al di sotto del livello minimo di 22 dollari che FTX si era impegnata a supportare, e i clienti hanno quindi avviato l’equivalente crittografico di una corsa agli sportelli, tentando di prelevare i propri fondi più velocemente di quanto l’exchange potesse elaborarli.

Soltanto poche ore fa l’autorità di regolamentazione delle Bahamas ha congelato i beni le attività di FTX Digital Markets (FDM) e parti correlate, oltre a nominare un liquidatore per l’unità. “I poteri degli amministratori di FDM sono stati sospesi e nessun patrimonio di FDM, patrimonio del cliente o patrimonio fiduciario detenuto da FDM, può essere trasferito, assegnato o altrimenti trattato, senza l’approvazione scritta del liquidatore provvisorio”, ha affermato la commissione.

La commissione ha aggiunto nella sua dichiarazione di aver preso atto di recenti rapporti secondo cui i beni dei clienti di FTX erano stati mal gestiti o trasferiti ad Alameda Research, l’hedge fund di criptovalute di proprietà del fondatore di FTX, Sam Bankman-Fried. “Sulla base delle informazioni della commissione, tali azioni sarebbero state contrarie alla normale governance, senza il consenso del cliente e potenzialmente illegali”, ha affermato.

La società di rating Standard & Poor’s ha dichiarato di aspettarsi ulteriori crolli del settore delle criptovalute. “Gli eventi di questa settimana amplificano un già significativo calo dei prezzi delle criptovalute iniziato all’inizio di quest’anno e probabilmente accelererà le chiamate e le liquidazioni di garanzie. Ciò potrebbe portare ad altre crisi”, ha affermato di S&P.