Effetto Hillary sui mercati dura poco. Gli asset che temono di più Trump

27 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Primo dibattito televisivo tra i due candidati alle elezioni Usa Hillary Clinton e Donald Trump: per l’azionario globale ha vinto lei: Hillary Clinton. Ma l’effetto positivo dell’esito dello scontro svanisce con il passare degli scambi (leggi la reazione dei mercati). Secondo il sondaggio Cnn/Orc, il 62% di coloro che hanno guardato il dibattito ritiene che sia stata Hillary a vincere. Inoltre, le scommesse sul peso messicano sono volate al record prima del faccia a faccia Trump-Clinton. Così Sean Callow, strategist del mercato del forex presso Westpac Banking a Sidney, stando a quanto riportato da Bloomberg:

“Dal dibattito emerge la vittoria di Hillary. Il peso, il dollaro canadese, i futures sullo S&P e il dollaro australiano stanno tutti salendo. Assistiamo al rally degli asset più rischiosi”.

Tra gli altri mercati, petrolio in forte calo in vista di un nulla di fatto alla riunione dell’Opec. Acquisti sui bond governativi di Australia e Nuova Zelanda, con i tassi decennali che sono scesi al minimo in due settimane. Anche il rialzo dei bond considerati più rischiosi rispetto ai Treasuries Usa indica come, secondo i mercati, la vincitrice del dibattito sia stata Clinton. Aberdeen Asset Management Asia ritiene, di fatto, che una eventuale vittoria di Trump potrebbe mettere sotto pressione i bond dei mercati emergenti come quelli di Cina e Messico, a causa delle posizioni del candidato repubblicano improntate al protezionismo nelle relazioni commerciali. Secondo Citigroup, effetti di una vittoria di Trump sarebbero un calo dell’azionario e un aumento della volatilità sui mercati valutario e dell’oro.

L’effetto Hillary in Europa è durato tuttavia il tempo di qualche ora. Indici in rosso, sulla scia delle continue preoccupazioni per il futuro di banche come Deutsche Bank, Commerzbank e Mps. Mps tuttavia ha guadagnato terreno nella giornata di oggi, dopo la notizia della presentazione del piano industriale il prossimo 24 ottobre, e sulla scia di speculazioni secondo cui la strategia che punta sulla conversione di bond in azioni potrebbe alla fine ridurre l’importo dell’aumento di capitale, stimato attorno a 5 miliardi di euro.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 20169:14

l’indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha terminato le contrattazioni in rialzo dello 0,84%, a 16.683,93 punti. Azionario asiatico prevalentemente positivo, con Hong Kong +1,32%, Sidney sotto pressione -0,47%, Shanghai positiva al momento con un rialzo dello 0,41%, Seoul +0,77%.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 20169:16

Avvio positivo per l’azionario europeo.


Laura Naka Antonelli 27 Settembre 20169:16

Banche e auto sono i settori che stanno performando meglio sull’azionario europeo.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 20169:17

I migliori titoli scambiati sull’indice di riferimento dell’azionario europeo, lo Stoxx Europe 600 Index.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 20169:46

L’effetto Hillary sui mercati sostiene gli asset più rischiosi, a dispetto dei beni rifugio, tra cui spicca il calo delle quotazioni dell’oro.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201611:13

La presunta vittoria di Hillary Clinton nel primo dibattito televisivo tra i due candidati alle elezioni Usa è durato poco. L’azionario europeo fa dietrofront e a Piazza Affari l’indice Ftse Mib vira in territorio negativo, cedendo lo 0,72%, a 16.075,45 punti. E’ effetto Deutsche Bank, che testa un nuovo minimo record sulla scia delle continue notizie secondo cui la cancelliera tedesca Angela Merkel non avrebbe alcuna intenzione di sostenere il colosso con aiuti di Stato prima delle elezioni del prossimo anno. Sotto pressione soprattutto l’indice Dax della Borsa di Francoforte, che ha perso fino a -1,6%, azzerando due/terzi circa dei guadagni riportati la scorsa settimana, e zavorrato dalla performance dei titoli bancari, che vengono scambiati a prezzi minimi in più di un mese.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201611:20

Titoli bancari in apnea in tutta Europa. A Piazza Affari UniCredit cede il 3% circa, per poi ridurre la flessione ma scendere comunque oltre -2. Altri titoli bancari scambiati sul Ftse Mib: Mps positiva con +0,73%. Giù Bper -1,69%, BPM -1,70%, BP -1,49%, Mediobanca -2,53%, Ubi Banca -2,34%

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201611:26

L’effetto della vittoria di Hillary Clinton nel primo dibattito televisivo tra i due candidati alle elezioni Usa è durato poco. L’azionario europeo fa dietrofront e a Piazza Affari l’indice Ftse Mib vira in territorio negativo, cedendo lo 0,72%, a 16.075,45 punti. E’ effetto Deutsche Bank, che testa un nuovo minimo record sulla scia delle continue notizie secondo cui la cancelliera tedesca Angela Merkel non avrebbe alcuna intenzione di sostenere il colosso con aiuti di Stato prima delle elezioni del prossimo anno. Sotto pressione soprattutto l’indice Dax della Borsa di Francoforte, che ha perso fino a -1,6%, azzerando due/terzi circa dei guadagni riportati la scorsa settimana, e zavorrato dalla performance dei titoli bancari, che vengono scambiati a prezzi minimi in più di un mese.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201612:18

Il meeting informale dei paesi produttori di petrolio appartenenti all’Opec si appresta a concludersi, come temuto, un flop. In calo i prezzi del petrolio, che scontano soprattutto le dichiarazioni arrivate dall’Iran, che ha detto praticamente no all’ipotesi di congelamento della produzione, confermando anzi l’obiettivo di aumentare la propria offerta. Il contratto scambiato a New York del WTI cede -1,18%, a $45,39, mentre il Brent cede -1,29%, a $46,74.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201612:45

Rimane positiva l’impostazione degli indici azionari Usa, che beneficiano della vittoria di Hillary Clinton su Donald Trump nel primo dibattito televisivo presidenziale.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201612:48

Volkswagen come Deutsche Bank? Titolo sotto pressione sulla borsa di Francoforte, sulla scia di indiscrezioni secondo cui il dipartimento di Giustizia Usa starebbe valutando l’entità della multa da comminare al colosso tedesco dell’auto, in relazione allo scandalo dieselgate. Volkswagen ha già pagato in Usa una multa da 15 miliardi ai possessori delle auto coinvolte nello scandalo sulle emissioni. 

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201612:50

I tassi sui Bund tedeschi a due anni hanno testato il minimo record a -0,707%.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:17

Focus anche sui tassi dei Treasuries Usa: quelli a 10 e a 30 anni oscillano al minimo in tre settimane

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:23

A Piazza Affari il Ftse Mib accelera al ribasso e cede -1,14%, a quota 16.008,50. Banche sotto pressione ma Mps rimane positiva, dopo la notizia secondo cui il prossimo 24 ottobre il cda di Rocca Salimbeni approverà il piano industriale. L’assemblea dei soci per varare l’aumento di capitale sarà convocata a novembre, e l’operazione, prevista per un valore di 5 miliardi di euro, potrebbe essere alla fine di un ammontare inferiore, nel caso in cui i detentori di obbligazioni subordinate accetteranno la conversione in azioni.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:41

Anche a Wall Street si smorza l’effetto della vittoria di Hillary Clinton su Donald Trump nel primo dibattito televisivo presidenziale. Il motivo porta anche qui il nome di
Deutsche Bank, con il titolo della banca tedesca che aggiorna nuovi minimi storici.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:41

Avvio al ribasso per gli indici azionari Usa.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:43

Pesa sulla performance dell’azionario Usa anche il crollo dei prezzi del petrolio, che hanno perso quasi il 3% dopo che sia l’Iran che l’Arabia Saudita hanno smorzato le speculazioni sulla possibilità di un accordo, nel meeting informale dell’Opec che si terrà domani, mercoledì, per congelare la produzione. I prezzi del petrolio scontano anche la nota di Goldman Sachs, che ha rivisto al ribasso le stime del quarto trimestre da $50 a $43. Gli analisti prevedono un aumento della produzione da parte di Russia, Kazakistan e Canada.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:47

Virata in positivo per Wall Street dopo pochi minuti dall’avvio della sessione.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201615:50

Al momento, le quotazioni di petrolio scambiate a New York cedono il 2,33%, a $44,86, mentre il Brent scende del 2,26% a $46,28.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201616:39

Il titolo Deutsche bank recupera terreno dopo le dichiarazioni arrivate da un funzionario del dipartimento di Giustizia Usa, che ha affermato che le multe comminate alle banche possono essere ridotte, nel caso in cui gli istituti collaborino con le autorità. Il titolo Deutsche Bank ha perso più del 50% nel 2016 ed è in calo di quasi il 20% dalla fine di agosto, dopo la notizia della multa Usa da $14 miliardi. Il titolo è salito fino a +0,4% a Wall Street ma ora vira in rosso e cede di nuovo l’1%. A Francoforte le quotazioni sono salite fino a +0,8%, ma ora avanzano di appena lo 0,25%.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201616:47

Si conferma il calo degli indici di borsa in Europa.

Laura Naka Antonelli 27 Settembre 201616:50

I tassi sui Bund decennali tedeschi hanno testato il minimo dallo scorso 12 luglio, a -0,161%. La flessione sta provocando una impennata dello spread Italia-Germania, che avanza di oltre +5% a 135,91 punti base. I rendimenti sui BTP decennali balzano all’1,2176%.

Daniele Chicca 27 Settembre 201619:04

Le principali Borse europee hanno chiuso in calo, ad eccezione della Borsa di Zurigo.

Daniele Chicca 27 Settembre 201619:05

Piazza Affari ha perso più di mezzo punto percentuale. Si preannuncia un quarto trimestre teso per le Borse mondiali.

Daniele Chicca 27 Settembre 201619:08

Sul valutario il cambio tra euro e dollaro quota $1,1196, mentre il contratto sul petrolio Wti perde il 3,4% a 44,3 dollari al barile. Fino a pochi giorni fa valeva $46. Un congelamento dei livelli di produzione da parte dell’Opec è improbabile e Goldman Sachs ha tagliato le stime sui prezzi da 50 a 43 dollari al barile per il quarto trimestre citando l’offerta in eccesso.