Draghi interrogato dall’Ue su dilemma inflazione

29 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Mario Draghi si trova a dover risolvere un dilemma: dove è diretta l’inflazione? È questo enigma il motivo per cui la Bce non ha ancora potuto segnalare con chiarezza se si appresta o no a ridurre le misure di stimolo monetario straordinario nonostante la ripresa dell’economia, la cui ritrovata robustezza è certificata dagli ultimi dati macro.

Durante il suo intervento davanti al Parlamento europeo, l’ultima uscita in pubblico prima della decisione di politica monetaria della settimana prossima, il presidente della Bce Draghi è stato interrogato sui suoi prossimi piani di uscita dalle misure di accomodamento monetario straordinarie da 2.300 miliardi di euro. Secondo lui la crescita migliora ma non ancora abbastanza da giustificare l’abbandono del Quantitative Easing e il ritorno graduale alla normalità per i tassi di interesse. 

Questa settimana, stando alle stime degli analisti, i nuovi dati dovrebbero mostrare che la fiducia nell’economia è la più elevata in dieci anni di tempo in area euro e che il tasso di disoccupazione è il più basso dal 2009. Ma Draghi può sempre giustificare la sua strategia attendista citando gli indici dei prezzi al consumo che, in particolare se si escludono le componenti volatili di cibo ed energia, ancora tardano a rinfocolarsi. 

È questa divergenza tra economia in miglioramento e inflazione fiacca a lasciare le autorità della Bce perplesse prima della riunione di politica monetaria dell’8 giugno a Tallinn, in Estonia. L’appuntamento alla Commissione Affari Economici e Monetari Ue potrebbe essere l’occasione per fare chiarezza: il rischio è quello di illudere o preoccupare troppo i mercati. L’euro era stabile prima di scivolare sotto 1,180 dollari, mentre l’azionario – orfano di Cina, Uk e Usa – è particolarmente pesante in Italia (-2%) per via delle incertezze politiche e della possibilità di elezioni anticipate già a giugno.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 29 Maggio 201714:46

L’attività economica dell’area euro, se ci si basa sugli indici PMI, è ai massimi degli ultimi sei anni e in generale i dati macro si trovano su livelli che in passato hanno giustificato una stretta monetaria.

Daniele Chicca 29 Maggio 201715:02

Draghi ha dichiarato che continuano ad arrivare segnali di un rafforzamento dell’economia in Eurozona e che i rischi al ribasso si stanno riducendo ulteriormente. Sul Forex euro stabile.

Forexlive Image View

Daniele Chicca 29 Maggio 201715:18

Nel rinnovare l’appello ai governi degli Stati membri a varare le riforme strutturali necessarie, Draghi ha puntualizzato che la Bce è “fermamente convinta che l’area euro ha ancora bisogno di aiuti”.

Daniele Chicca 29 Maggio 201715:43

Draghi ha sottolineato che l’inflazione sottostante, inclusi i salari, è ancora debole. L’indice di inflazione generale dovrebbe crescere di pari passo con il rafforzamento delle quotazioni del petrolio.

Daniele Chicca 29 Maggio 201715:44

In sintesi, ha detto Draghi, “è troppo presto per pensare a un cambiamento della strategia di politica monetaria” della Bce. L’euro scende a 1,178 dollari.

Daniele Chicca 29 Maggio 201715:46

In sintesi, ha detto Draghi, “è troppo presto per pensare a un cambiamento della strategia di politica monetaria” della Bce. L’euro scende ai minimi di seduta in area 1,178 dollari.

Daniele Chicca 29 Maggio 201716:01

Per concludere la diretta, riassumendo secondo il governatore della Bce la crescita della produttività deve ancora accelerare. La ripresa tuttavia è sempre più ampia e questo riduce i rischi al ribasso.