Bce, Coeure conferma: possibile nuova iniezione di liquidità

15 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

Il comparto bancario italiano traina al rialzo il listino azionario italiano in seguito all’annuncio, da parte del membro del board Bce Benoit Coeure, che Francoforte sta considerando l’emissione di una nuova operazione di Tltro.

Tale operazione a lungo termine consentirebbe alle banche dell’Eurozona di finanziarsi presso la Bce con tassi particolarmente favorevoli. Una boccata d’aria in un momento in cui i bond bancari restano particolarmente onerosi per gli istituti, a partire da quelli italiani.

Coeure ha dichiarato che il rallentamento dell’economia è superiore alle previsioni e che uno degli strumenti a disposizione della Bce e proprio la Tltro. Tre mesi fa la Bce aveva dichiarato che solo uno “choc economico serio” avrebbe potuto giustificare un’altra Tltro: evidentemente gli economisti dell’Eurotower stanno osservando un peggioramento rilevante.

La notizia ha avuto notevoli ripercussioni sul mercato azionario italiano, in particolare per quanto riguarda il comparto bancario. L’indice Ftse Banche avanza del 3,18%, mentre il Ftse Mib guadagna l’1,62%.

Anche l’euro ha bruscamente subito un deprezzamento sul dollaro sul Forex, ampiamente recuperato poco dopo (attualmente cede lo 0,11% a quota $1,1282).

Fra i titoli bancari che meglio hanno accolto l’annuncio di Coeure spiccano Banco Bpm (+5,28%) e Bca Profilo (+4,90%).

A giudicare dal bilancio, il margine di manovra della Bce in caso di crisi è abbastanza ristretto. Il ricorso a un nuovo programma TLTRO, tuttavia, è assolutamente fattibile.