Austria: trionfa la destra, Popolari di Kurz primo partito

16 Ottobre 2017, di Mariangela Tessa

Tutto come nelle previsioni. Con il 31,4% dei voti, Sebastian Kurz, leader dei popolari, ha vinto le elezioni politiche in Austria e quasi sicuramente sarà il prossimo cancelliere del Paese. “Kurz è il chiaro vincitore di questa tornata elettorale”, ha detto il presidente austriaco Alexander Van der Bellen, ricordando che il risultato definitivo sarà comunicato solo giovedì, dopo lo spoglio dei voti per corrispondenza.

Esulta “l’enfant prodige” 31enne della politica europea e dell’Austria, paese che prevede di registrare nel 2017 e 2018 un Pil in crescita del 2,2% e dell’1,7%, rispettivamente, un andamento più positivo della media in Eurozona (evento che non si verificava dal 2013). Il risultato delle urne di Kurz e il suo partito rappresenta

“un chiaro mandato per realizzare le riforme e i cambiamenti voluti dai cittadini” ha detto il giovane leader politico dei conservatori, aggiungendo che “il nostro è un risultato storico, in 50 anni è la seconda volta che arriviamo al primo posto, non succedeva dagli anni ’70”.

Tuttavia, il suo partito non raggiunge una maggioranza tale da poter governare da solo. L’estrema destra del Fpoe di Heinz Christian Strache si attesta al secondo posto con il 27,4%, i socialdemocratici finora al governo con il partito popolare di Kunz si fermano al 26,7%.

Risultati capovolti più volte in un testa a testa durante i conteggi, e che potrebbero ancora cambiare di qui a giovedì.

Si delinea una netta maggioranza per un governo di centrodestra formato dai popolari di Kurz e dai liberalnazionali Fpoe di Heinz Christian Strache. I socialdemocratici del cancelliere uscente Christian Kern, nel 2013 ancora primi, ora sono solo terzi. E’ ormai tramontata l’ipotesi di un governo arcobaleno di Spoe, liberali, Verdi e lista Pilz, che si ferma al 40,5%.