Wealth management, una nuova piattaforma per aggregare i conti dei clienti

22 Luglio 2021, di Massimiliano Volpe

Wealth management, una nuova piattaforma per aggregare tutti i conti dei clienti

Grazie alla direttiva europea Psd2 per il mondo della consulenza finanziaria e del wealth management si aprono nuove frontiere. Pionieri su questa strada Fabrick, società italiana che opera anche a livello internazionale nell’Open Finance, e Prometeia, società di consulenza attiva nelle soluzioni per risk e wealth management.

Grazie ad una collaborazione in ambito Open Banking e Artificial Intelligence le due società hanno dato vita al nuovo servizio denominato Global Investment Portfolio: la soluzione, unica sul mercato, grazie ad algoritmi di Intelligenza Artificiale sviluppati da Prometeia ricostruisce il portafoglio finanziario complessivo di un investitore che ha più conti su diversi intermediari, a partire dalla descrizione di tutti i movimenti di conto corrente e pur in assenza di accesso diretto ai suoi dossier titoli.

“Global Investment Portfolio è una soluzione all’avanguardia rispetto ai principali trend di Finanza Digitale e si propone come elemento distintivo nell’automazione e la digitalizzazione dei processi di advisory alla clientela. L’unione del nostro know-how nelle soluzioni di Intelligenza Artificiale per il Wealth Management con l’expertise e l’ecosistema di Open Finance di Fabrick consente agli intermediari una conoscenza approfondita del portafoglio finanziario dell’investitore, sviluppando a pieno le potenzialità della Psd2” ha chiarito Matteo Necci, partner di Prometeia.

Aggregare i conti dei clienti, come funziona

La piattaforma Global Investment Portfolio sfrutta il Gateway Psd2 di Fabrick che permette, dopo il consenso del cliente finale, di accedere ai dati bancari attraverso il servizio di account aggregation (l’analisi aggregata di tutti i conti correnti presso diversi istituti) messo a disposizione dalla fintech. In questo modo è visualizzare tutte le informazioni del cliente da un unico touch point.

Il focus sulle operazioni relative agli investimenti è garantito dalla categorizzazione delle operazioni fatta da Fabrick attraverso l’intelligenza artificiale, che permette il riconoscimento dei movimenti relativi ai patrimoni (cedole, dividendi, bonifici in ingresso/uscita), anche detenuti presso altri istituti, garantendo agli utilizzatori della piattaforma di Prometeia la migliore user experience e alla banca la possibilità di ampliare la visibilità al di fuori del proprio perimetro di gestione.

La soluzione comporta vantaggi per tutti i soggetti coinvolti: l’investitore può tenere monitorati tutti gli investimenti da un unico touch point, con evidenza immediata di quali stiano performando e quali no.
L’intermediario trae le indicazioni di contesto utili a fornire servizi di consulenza tempestivi e personalizzati. La soluzione plug and play, rispettosa della normativa sulla protezione dei dati, è facilmente integrabile all’interno delle architetture applicative degli intermediari finanziari ed è adottabile anche da corporate e fintech che vogliano ampliare la propria offerta.

“Il Wealth Management è un settore che si sta dimostrando molto attivo nello sfruttare l’Open Finance per sviluppare nuovi servizi digitali che rispondano alle esigenze di un pubblico finale evoluto nei comportamenti e nelle aspettative. Fabrick è parte attiva di questo processo e la partnership con Prometeia dimostra quanto l’accesso ai dati dei conti correnti rappresenti solo la punta dell’iceberg delle numerose opportunità che il nostro ecosistema e l’approccio collaborativo promosso permettono.
Basta guardare alla soluzione Global Investment Portfolio per capire il grande valore che la combinazione account aggregation e categorizzazione dei dati porta a tutti gli attori coinvolti, abilitando concretamente un nuovo modello di offerta più completo e personalizzato” ha precisato Paolo Zaccardi, ceo di Fabrick.