Start-up, più reattive delle imprese tradizionali all’emergenza coronavirus

m.volpe