Wall Street, inizio di settimana col piede giusto

10 Dicembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Parte col piede giusto la settimana di Wall Street con il Dow Jones e lo S&P’s 500 ai massimi dall’Election Day. A mettere di buonumore il mercato, la speranza di un accordo tra Repubblicani e Democratici per evitare la scogliera fiscale. A fine seduta, il Dow Jones ha segnato un aumento dello 0,11% a 13,170 punti. Sale per la quarta seduta di fila anche lo S&P’s 500 in aumento dello 0,07% a 1,418.55 mentre il Nasdaq Composite avanza dello 0,3% a 2,986.96.

La partenza era tuttavia stata sottotono, condizionata dal timore che l’uscita di scena in Italia del premier (Monti) possa deragliare bruscamente la sensazione di maggiore calma che fino a poco tempo fa aveva caratterizzato l’Eurozona”, ha commentato in una intervista a Bloomberg James Paulsen, responsabile strategist per gli investimenti presso Wells Capital Management.

Attesa da parte dei mercati per il meeting del Fomc, il braccio di politica monetario della Fed, che si riunisce per l’ultima volta quest’anno domani e dopodomani, 11 e 12 dicembre. I mercati scommettono su un nuovo annuncio di misure di stimolo monetario, fattore che dovrebbe limitare i guadagni del dollaro. Detto questo, è innegabile la delicata posizione in cui versa il numero uno della Fed, Ben Bernanke.

Tra i singoli titoli, American International Group scivola dopo aver annunciato che l’uragano Sandy costera’ all’azienda circa 1,3 miliardi di dollari in coperture assicurative. Di tutt’altro tenore la prova di Crosstex Energy, che guardagna quasi il 2% dopo che gli analisti di Barron’s hanno sottolineato che l’anno prossimo i titoli potrebbero salire del 25%.

Continua il calo in borsa di Apple, dopo che il broker Jefferies ha tagliato le previsioni sul prezzo obiettivo dei titoli della societa’ madre di iPhone e iPad. I titoli hanno perso un incredibile -21% dai primi di settembre, quando avevano testato il record storico a $705 per azione.

Bene McDonald’s , dopo che il gigante dei fast food ha comunicato di aver riportato a novembre vendite comparate ben al di sopra delle attese, in rialzo +2,4% su base globale.

L’indice allargato S&P 500 ha registrato la terza settimana positiva di fila, la striscia rialzista più duratura da agosto. A favorire la corsa all’acquisto di titoli ad alto rendimento sono state le notizie positive giunte dal fronte del mercato del lavoro.

In ambito valutario, l’euro +0,33% a $1,2937. Dollaro/yen -0,09% a JPY 82,26.

Sul fronte delle commodities, commodities, i futures sul petrolio +0,24% a $86,14 al barile, mentre quotazioni oro +0,53% a $1.714,50 l’oncia. Quanto ai Treasuries, i rendimenti sul decennale cedono all’1,611%.

MONTI CONTRO BERLUSCONI: DIMISSIONI E RESURREZIONE?

LA VERITA’ SULLE CONDIZIONI DEL MERCATO IMMOBILIARE USA

SORPRESA DA MCDONALD’S