Wall Street in rialzo, S&P500 record verso quota 2000

21 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Chiusura in rialzo per Wall Street, con il Dow Jones che sale dello 0,36% a 17,040.13 punti, il Nasdaq registra un +0,12% a 4,532.10 punti, mentre lo S&P 500 aumenta dello 0,29% a 1.991,37 punti (nuovo record, ormi a 9 punti da quota 2000) dopo una ventata di ottimismo portata dall’ultima tornata di dati macroeconomici positivi. C’è comunque attesa tra gli investitori per il discorso che farà domani la presidente della Fed Janet Yellen davanti ai banchieri centrali al Jackson Hole symposium.

Il titolo di Bank of America ha chiuso in rialzo dopo che il colosso bancario ha aderito a pagare una multa record di quasi 17 miliardi di dollari per i mutui subprime.

Ieri intanto sono uscite le minute della Fed relative all’ultimo incontro del FOMC: i dettagli del meeting hanno rivelato che i funzionari hanno discusso in merito ad un prossimo rialzo dei tassi d’interesse ma non c’è stato ancora accordo tra loro sull’entità del miglioramento del mercato del lavoro.

Con il mercato del lavoro sotto i riflettori, occhi puntati dunque sui numeri dei sussidi di disoccupazione di oggi: le richieste di sussidi, ha annunciato il Dipartimento del lavoro, sono diminuite di 14 mila unità a 298 mila nella settimana terminata il 16 agosto. Gli economisti si aspettavano un calo a 300 mila.

Nel mese di agosto, l’indice Philly Fed, che misura il livello di attivita’ economica nel distretto federale di Filadelfia (Usa) e’ salito da 28 da 23,9 punti di luglio. Bene l’outlook per i prossimi 6 mesi che migliora in modo sensibile.

Nel mese di agosto, l’indice Philly Fed, che misura il livello di attivita’ economica nel distretto federale di Filadelfia (Usa) e’ salito da 28 da 23,9 punti di luglio. Bene l’outlook per i prossimi 6 mesi che migliora in modo sensibile.

Sul fronte degli utili, prima della campanella previste le trimestrali di Dollar Tree, Hormel Foods. Dopo la chiusura sarà la volta di Gap, Intuit e Salesforce.com.

Sul fronte valutario, euro piatto a quota 1,3260 dollari.

Il Brent ha toccato il minimo degli ultimi 14 mesi a 101,91 dollari al barile sulla scia dei dati deboli provenienti dalla Cina.
I futures sul petrolio (WTI) segnano un calo dello 0,62% a quota 92,84 dollari al barile, mentre i prezzi dell’oro cedono l’1,44% a quota 1.276 dollari l’oncia.

Il future sul Dow Jones in questo momento segna un rialzo dello 0,25%.
Il contratto sull’S&P 500 è a +0,21%, mentre quello sul Nasdaq registra un rialzo dello 0,15%