Stati Uniti in recessione nel 2023: l’allarme della Deutsche Bank

11 Aprile 2022, di Alessandra Caparello

Stati Uniti in recessione nel 2023 e tutto per colpa del rialzo dei tassi di interesse deciso dalla Federal Reserve. A lanciare la previsione Deutsche Bank secondo cui una recessione economica è all’orizzonte negli Stati Uniti.

“La Fed non vedrà più un atterraggio morbido”, hanno detto gli economisti di Deutsche Bank guidati da Matthew Luzzetti in una nota. “Invece, prevediamo che una stretta più aggressiva della politica monetaria spingerà l’economia in una recessione”.

L’analisi della banca tedesca arriva mentre la Fed adotta un approccio più falco per combattere l’inflazione, che è al livello più alto dal 1982. I politici hanno aumentato i tassi di un quarto di punto percentuale a marzo, e da allora hanno segnalato che ci sarà un aumento più veloce, di mezzo punto percentuale, alla riunione di maggio.

Deutsche Bank: allarme recessione nel 2023

La Fed in sostanza non teme la recessione e al contrario, si dice pronta a una serie di rialzi dei tassi da mezzo punto percentuale per combattere l’inflazione “davvero troppo alta”, secondo Lael Brainard, componente del Consiglio dei governatori della Banca centrale statunitense, e Patrick Harker, presidente della Fed di Philadelphia. In vista anche una drastica riduzione del suo bilancio, schizzato con la pandemia a quasi 9.000 miliardi di dollari. È quanto emerge dai verbali della riunione del 15 e 16 marzo, che confermano una Fed falco, mai così aggressiva dal 1994. Alcuni economisti credono che la Fed abbia aspettato troppo a lungo per affrontare l’esplosione dell’inflazione, mentre altri hanno espresso la preoccupazione che muoversi troppo velocemente per stabilizzare i prezzi rischi di innescare una recessione economica.

Gli economisti della Deutsche Bank hanno detto che una recessione sarà inevitabile mentre la Fed pompa i freni economici, avvertendo che la stabilità dei prezzi sarà raggiunta solo “attraverso una posizione di politica monetaria restrittiva che intacca significativamente la domanda”. Gli analisti inoltre prevedono una lieve recessione che inizierà nell’ultimo trimestre del prossimo anno e continuerà nel primo trimestre del 2024, con un picco di disoccupazione superiore al 5%.

Tuttavia, Powell ha respinto la preoccupazione che un ulteriore inasprimento da parte della banca centrale innescherà una recessione e ha mantenuto l’ottimismo che la Fed possa trovare un delicato equilibrio tra domare l’inflazione senza schiacciare l’economia.

“La probabilità di una recessione nel prossimo anno non è particolarmente elevata”, ha detto Powell ai giornalisti durante la riunione di marzo della Fed, citando il forte mercato del lavoro, la solida crescita dei salari e i solidi bilanci di imprese e famiglie.

“Tutti i segni indicano che questa è un’economia forte, e che sarà in grado di prosperare di fronte a una politica monetaria meno accomodante”.

Roche: non è recessione piuttosto “guerra-cessione”

E se DB lancia le sirene d’allarme sull’economia a stelle e strisce, un altro autorevole analista le lancia in relazione al mondo intero. L’economia globale sta probabilmente entrando in una “guerra-cessione”, secondo il veterano degli investimenti David Roche, presidente di Independent Strategy, e i mercati stanno sottovalutando la sua durata.

Le prove delle atrocità commesse contro i civili in Ucraina dalle forze russe impediranno qualsiasi possibilità di un rapido negoziato di pace con il presidente russo Vladimir Putin. Come tale, l’unica opzione dell’Occidente è quella di cercare un cambio di regime in Russia, ha detto Roche considerando che Putin non si ritirerà dall’Ucraina senza una “vittoria”.

“Putin non ha intenzione di scambiare il ritiro con una riduzione delle sanzioni, quindi le sanzioni rimangono in vigore e penso che le implicazioni per l’Europa sono che si vedrà la recessione, perché le sanzioni aumenteranno e andranno verso un blocco energetico totale”.

Così Roche secondo cui i funzionari ucraini hanno avvertito che ulteriori atrocità saranno probabilmente scoperte nelle città riconquistate dai soldati russi in ritirata, e gli investitori a quel punto non saranno più in grado di separare la politica dai mercati.

“Tutto ciò è un enorme shock dal lato dell’offerta che continuerà nel cibo, nell’energia, nei metalli e posso continuare. Questo continuerà mentre, allo stesso tempo, abbiamo a che fare con l’inflazione in tutto il mondo, abbiamo a che fare con l’aumento dei tassi di interesse – penso che il rendimento del Tesoro trentennale sarà almeno del 3,5% tra un anno – e stiamo guardando, naturalmente, alle interruzioni di fornitura in Cina a causa di ciò che sta accadendo per il Covid, di cui la gente non parla, ma che sono ovviamente un altro lato dell’offerta al sistema globale …  in una recessione normale, la produzione e la domanda scendono, l’inflazione scende. In questa specie di recessione, una ‘guerra-cessione’, si ha effettivamente una produzione che cade allo stesso tempo in cui i costi e l’inflazione aumentano.