Scontro M5S-Lega, spettro elezioni anticipate. Borsa e bond tengono

30 Maggio 2019, di Mariangela Tessa

Si infittiscono le indiscrezioni stampa su possibili elezioni anticipate, dopo che le elezioni europee hanno incoronato la Lega come primo partito in Italia. Un’ipotesi che fa paura al Movimento 5 stelle, che sarebbe pronto a offrire alla Lega il ministero dell’Economia. Lo scrive oggi il quotidiano La Stampa in un retroscena senza fonti che indica, come date per le possibili elezioni, il 22 e il 29 settembre.

Secondo La Stampa, infatti, ieri il presidente della Repubblica Sergio Mattarella avrebbe chiarito al premier Giuseppe Conte che le eventuali elezioni non dovranno impedire di approvare la manovra 2020.

Votando entro fine mese (di settembre ndr) ci sarebbe qualche ragionevole chance di mettere in piedi un governo subito dopo i Morti. Di lì a fine anno resterebbe tempo sufficiente per approvare la manovra economica 2020manovra economica 2020”.

Per ora la notizia non sta pesando sui mercati con Piazza Affari, che si muove in territorio positivo, mentre lo spread tra BTp e Bund decennali segna un calo a 280 punti base dopo che si era issato a quota 290. Un governo più orientato a destra farebbe anzi piacere ai mercati, secondo quanto riferito da diversi strategist negli ultimi giorni.

Moody’s: incertezza politica alta nei prossimi mesi

Sul fronte interno, è atteso oggi il voto sulla piattaforma Rousseau della base del M5S sulla leadership di Luigi Di Maio, dopo la sconfitta elettorale che però non dovrebbe riservare sorprese di rilievo e dovrebbe portare a una conferma delle posizioni attuali mentre, sul mercato primario, c’e’ attesa per l’asta di BTp che chiude la tre giorni di emissioni del Tesoro,

Parlando dei risultati delle elezioni europei e i suoi riflessi sul debito sovrano, ieri gli analisti di Moody’s hanno confermato che almeno per ora non ci sono conseguenze sul rating dei paesi dell’Unione Europea anche se “le implicazioni” del voto europeo “per la politica nazionale potrebbero essere più rilevanti in Italia” che negli altri Paesi in quanto “il forte risultato della Lega aumenta il rischio di elezioni anticipate”.
“Ci aspettiamo che l’incertezza politica resti alta nei prossimi mesi” anche se questo scenario “è incorporato nel nostro rating e outlook sul Paese”, si legge nel report.