Moscovici (Ue): con addio euro ritorno inflazione ed esplosione tassi e debiti

13 Febbraio 2017, di Laura Naka Antonelli

Nel corso della presentazione delle previsioni economiche invernali della Comissione Ue, il commissario agli Affari economici europei Pierre Moscovici ha rivolto un messaggio molto chiaro ai movimenti impregnati di populismo che in tutta Europa vogliono l’uscita dall’euro.

Moscovici ha affermato che l’abbandono dell’euro o addirittura l’addio alla stessa Unione europea da parte di paesi come Italia o Francia si tradurrebbe in un “impoverimento e in un ritorno assicurato dell’inflazione, che andrebbe a discapito della classe media e popolare, con esplosioni che colpirebbero sia i tassi di interesse che i debiti“.

La dichiarazione è arrivata in risposta a una domanda sui rischi politici in Italia. Moscovici ha sottolineato che tali rischi “sono presenti ovunque in Europa”. Si tratta di “populismi anti europei, e ancora prima che in Italia esistono in un paese che conosco ancora meglio, la Francia, dove c’è chi parla di uscire dall’euro e magari anche dall’ Ue” (riferimento alla candidata all’Eliseo Marine Le Pen, leader del Front National”.