Francia, bond si indeboliscono per paura choc alle elezioni 2017

9 Dicembre 2016, di Daniele Chicca

I prezzi dei bond francesi si stanno indebolendo con i tassi che salgono nonostante l’estensione di nove mesi del programma di stimolo monetario straordinario della Bce. Questo perché gli investitori temono che le prossime elezioni presidenziali possano rappresentare un altro choc per l’area euro. C’è infatti il rischio, seppur minimo, che vinca e salga all’Eliseo la candidata del Front National Marine Le Pen, politica euro scettica di destra.

Le vendite degli investitori globali di bond governativi francesi suggeriscono che i bond vengono trattati più come i titotli del debito di un’economia del gruppo dei paesi meno virtuosi dell’Eurozona, piuttosto che una del blocco centrale dei paesi finanziariamente più solidi come la Germania. Dopo la Brexit e l’elezione di Trump tutto è possibile e i mercati di conseguenza preferiscono non correre alcun rischio di troppo.

Il rendimento del bond decennale dello Stato francese è salito di 60 punti base dalla fine di settembre a oggi e scambia allo 0,8%. Lo spread con i tassi dei Bund omologhi si è ampliato di più di 10 punti base.