Eurogruppo: Grecia, rimane il nodo delle pensioni. Tensione con troika

7 Marzo 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Grecia ancora in primo piano, nella riunione dell’Eurogruppo, in calendario oggi a Bruxelles. Jeroen Dijsselbloem, ministro delle finanze dell’Olanda a capo dell’Eurogruppo, ha lanciato un nuovo monito ad Atene, invitandola a rispettare l’accordo di bailout concordato lo scorso anno.

Il nodo rimane la riforma delle pensioni. Dijsselbloem ha affermato, arrivando a Bruxelles:

“Abbiamo bisogno di riforme sulle pensioni credibili e sostenibili, e il budget deve essere in linea (con le richieste) nel medio termine. Questa non è solo una preoccupazione del Fondo Monetario Internazionale, è qualcosa che riguarda tutte le istituzioni – ovvero i creditori – e l’Eurogruppo”.

Nel frattempo il ministro delle Finanze greco Euclid Tsakalatos, in una intervista rilasciata al Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha affermato che le due controparti – Grecia e troika – non possono continuare a scontrarsi sulle pensioni per sempre. Tsakalotos chiede alla troika di accettare la posizione della Grecia, e di apre alla possibilità del perdono del debito.