Bond e Borse Eurozona festeggiano accordo Grecia. Ma mercati si sbagliano

25 Maggio 2016, di Daniele Chicca

Stamattina i bond e i titoli azionari corrono all’unisono nei mercati dell’Eurozona. Le notizie secondo cui la Grecia otterrà una tranche da 10 miliardi di euro di nuovi aiuti ha alleviato i timori che scoppi un’altra crisi finanziaria in Eurozona, che già deve fare i conti con tutta una serie di eventi potenzialmente choc a giugno (voto della Corte tedesca sulla costituzionalità del programma Omt di acquisto di titoli di Stato della Bce, nuove elezioni in Spagna e referendum sulla Brexit).

L’azionario europeo è salito ai massimi di tre settimane, estendendo i guadagni della vigilia, anche grazie alle attese per un annuncio nella conferenza stampa della Bce del prossimo 2 giugno circa un progetto, citato ieri da Danièle Nouy (rappresentante della vigilanza dell’istituto centrale) volto a risolvere il problema annoso delle sofferenze bancarie, che in Europa sono stimate in circa 900 miliardi di euro.

Va ricordato tuttavia che non è la prima volta che la Germania apre alle concessioni circa una ristrutturazione del debito greco, insostenibile così com’è, e che l’Eurogruppo ha promesso un allungamento delle scadenze e altri aggiustamenti, come suggerito dall’altro creditore della troika, l’Fmi, solo dopo che il programma di bailout sarà concluso. Il problema è che le misure draconiane chieste al governo greco potrebbero non essere mai implementate e i soldi freschi forniti nell’ambito del nuovo pacchetto di aiuti verranno subito usati per ripagare i creditori.