Banco Popolare: titolo attaccato dalle vendite, tonfo di oltre -9%

9 Maggio 2016, di Laura Naka Antonelli

Proseguono le vendite scatenate sul titolo di Banco Popolare, dopo il via libera dell’assemblea all’aumento di capitale dettato dalla Bce e in vista dei risultati di bilancio che saranno diffusi nella giornata di domani. Il titolo cede oltre -9%, a 4,9640 euro, sottoperformando il settore delle banche, che comunque è sotto pressione.

Le quotazioni di Banco Popolare hanno perso oltre -28% negli ultimi tre mesi di contrattazioni. Così ha anticipato l’AD Pierfrancesco Saviotti:

La prima trimestrale del Banco Popolare “non sarà un granché, ma penso che il nostro non sarà un caso unico“. Il numero uno di Banco Popolare ha comunque tenuto a precisare che “marzo è stato già un mese migliore” e che la banca dispone di “aggregati patrimoniali assolutamente ottimi”.

A margine dell’incontro annuale della Consob, Saviotti ha risposto alla domanda se l’aumento di capitale sarà tutto in opzione:

Secondo me sì, però deciderà il cda. Ci possono essere tante ipotesi alternative, ma abbiamo ricevuto talmente tante domande dai nostri soci-azionisti che sarebbero disturbati dal fatto che non ci fosse l’aumento di capitale con diritto di opzione che ci stiamo ragionando e c’è un orientamento per farlo one-shot e niente convertendo. Ne parleremo al cda di domani”. L’operazione potrebbe inoltre avvenire “prima di quanto si pensi”.

Non c’è stato infine alcun deflusso di raccolta per la banca, di recente. “Nel trimestre non c’è stato deflusso di liquidità”.