13:10 giovedì 12 Maggio 2016

Banche troppo grandi per fallire, vendite su questi titoli dopo regole più severe

ROMA (WSI) – Giornata pesante per le banche svizzere, dopo che il governo ha varato la versione finale delle nuove leggi rivolte alle banche “Too Big to Fail”, ovvero alle banche troppo grandi per fallire.

Cercare di evitare che un collasso bancario di grandi proporzioni possa destabilizzare l’intero sistema finanziario, come è accaduto nel caso dell’americana Lehman Brothers, rimane una priorità per le autorità di regolamentazione europee e Usa.

Nel caso della svizzera, la legge finale include la richiesta alle banche di disporre di un leverage ratio di core capitale rispetto agli asset totali del 5%. La norma si applica alle due banche svizzere troppo grandi per fallire, ovvero a UBS e Credit Suisse.

Così il governo ha detto in un comunicato:

“Con i nuovi accantonamenti, la Svizzera sarà uno dei paesi caratterizzati dalle richieste più elevate al mondo in termini di capitale”.

Le norme saranno operative a partire dal 1° luglio del 2016. Il governo ha tuttavia fatto una grande concessione alle banche, decidendo di fare dietrofront sulla proposta di fissare un limite alla crescita dei bilanci.

Sotto pressione sulla Borsa svizzera i titoli di UBS e Credit Suisse. UBS, in particolare, sconta anche lo stacco della cedola.

Fonte:Reuters

Breaking news

17:43
Piazza Affari in preda alla volatilità, strappa segno più nel finale. Occhio alle trimestrali

Seduta volatile per Piazza Affari che nel finale di giornata conquista un segno più. Attesa per le trimestrali a Wall Street, ma anche a Milano con i conti di UniCredit in arrivo domani

16:20
Wall Street, apertura piatta in attesa dei risultati trimestrali di Alphabet e Tesla

Apertura piatta per Wall Street, con gli investitori in attesa dei risultati trimestrali di Alphabet e Tesla che saranno pubblicati dopo la chiusura dei mercati. In avvio, il Dow Jones, lo S&P 500 e il Nasdaq registrano leggere perdite. Il petrolio Wti al Nymex cala dell’1,11%.

15:31
Wiz rifiuta l’offerta di Google e punta all’IPO

La startup israeliana di cybersicurezza Wiz ha rifiutato un’offerta di acquisto da 23 miliardi di dollari da parte di Google, preferendo perseguire la quotazione in borsa. Questa decisione rappresenta un duro colpo per Alphabet, che affronta una forte concorrenza nel mercato dei servizi cloud.

14:39
Philip Morris, utile netto di 2,41 miliardi di dollari nel secondo trimestre nel 2024

Philip Morris ha registrato un utile netto di 2,41 miliardi di dollari nel secondo trimestre, con una previsione di crescita degli utili per il 2024 grazie alla forte domanda per le buste di nicotina Zyn.

Leggi tutti