Mercati in attesa della FED, l’appuntamento è per il 4 maggio

29 Aprile 2022, di Mariangela Tessa

L’inflazione Usa troppo alta accelera il programma di rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Dopo il rialzo di marzo, il primo dal 2018, la banca centrale americana tornerà, la prossima settimana, a stringere la cinghia alla sua politica espansiva, tentando così di far fronte all’impennata dell’inflazione Usa, ai massimi da 40 anni.

L’appuntamento è fissato il 4 maggio. È allora che sapremo con certezza quanto ampio sarà il nuovo rialzo. Ma ad oggi, complice le dichiarazioni della stessa Fed, pare certo un aumento di 50 punti base, se non di 75 punti base, dopo il rialzo dello 0,25% dello scorso mese.
Ma questo è solo l’inizio. Gli analisti scommettono, nel corso dei prossimi mesi, una serie di aumenti che porterà i tassi di interesse al 4% tra un anno.

Fed, che cosa pensano gli analisti

“A nostro avviso i tassi di interesse sono ancora troppo bassi nelle economie sviluppate, soprattutto negli Stati Uniti. Nonostante i timori di una recessione, gli Stati Uniti non sono mai entrati in una con tassi reali negativi. I tassi reali sono vicini ai minimi storici e il mercato del lavoro negli Stati Uniti è incredibilmente forte. Questo allontana lo spettro di una possibile imminente recessione, almeno fino a quando i tassi di interesse non aumenteranno in modo sostanziale. Dal nostro punto di vista la recessione che molti invocano è un modo errato di vedere le cose, perché il mondo nel frattempo è cambiato. Una ripresa forte e cambiamenti strutturali hanno generato inflazione insieme a sacche di debolezza della crescita. Ma sono i tassi di interesse più alti, non quelli più bassi, che sono necessari durante una transizione dell’economia globale” ha spiegato in una nota, Mark Nash, Head of Fixed Income Alternatives di Jupiter AM, aggiungendo: “riteniamo che la politica monetaria sia troppo accomodante e che sia necessario alzare i tassi d’interesse rapidamente. I tassi reali (rendimenti obbligazionari al netto dell’inflazione) rimangono ben al di sotto dello zero, il che è ottimo per il Nasdaq, ma non per le famiglie a basso reddito che devono sostenere il peso di prezzi più alti”.

Inoltre, sottolinea l’esperto “il problema per le banche centrali è l’aumento significativo dell’inflazione, aumento non corrisposto sul fronte dei tassi reali che non sono andati allo stesso passo. Ciò ha comportato un allentamento delle condizioni finanziarie, situazione opposta a quanto vorrebbero le banche centrali, e la necessità di alzare i tassi nominali molto di più per generare un impatto. Ci chiediamo quale sia adesso il “tasso neutrale”. Nessuno, inclusa la Fed, ha la risposta”.

Secondo Matthew Benkendorf , CIO boutique Quality Growth di Vontobel, “con una spinta più aggressiva per l’aumento dei tassi, è molto probabile, allo stesso tempo, vedere l’inflazione iniziare a diminuire, anche in assenza di qualsiasi cambiamento dei prezzi nel mondo reale, semplicemente a causa dei confronti anno su anno nei prossimi mesi. Dopo l’atteso aumento dei tassi di interesse da parte della Fed la prossima settimana e probabilmente un altro dopo, abbiamo il potenziale per un cambiamento nel sentiment”.