Mercati attendisti, ecco cosa potrebbe fare la Fed di Yellen

23 Agosto 2016, di Laura Naka Antonelli

Sui mercati azionari globali è improbabile che ci saranno grandi movimenti, prima del discorso che Janet Yellen, numero uno della Fed, proferirà in occasione del Simposio sulla politica monetaria, organizzato dalla Federal Reserve Bank di Kansas City come ogni anno, a Jackson Hole, nello stato dello Wyoming. Yellen parlerà venerdì 26 agosto.Attenzione anche ai movimenti dei prezzi del petrolio, che continuano a perdere terreno sulla scia di un nuovo commento di Goldman Sachs

Così Vincenzo Longo, market strategist di IG, commenta l’inizio della settimana di contrattazioni dell’azionario europeo.

“Partenza di settimana contrastata per le borse europee, con i volumi che risentono ancora del clima vacanziero legato alla stagione estiva. Gli operatori presenti al desk, però, continuano a guardare alle Banche centrali e, in particolare alle dichiarazioni che arrivano dai vari membri Fed, in ultimo quelle hawkish (da falco) del vice governatore, Stanley Fischer. Proprio per questo motivo cresce sempre di più l’attesa per il Symposium di Jackson Hole, in Wyoming, che inizierà giovedì e che vedrà protagonista la numero uno della Fed, Janet Yellen, nel pomeriggio di venerdì. Il dubbio sul rialzo dei tassi della Fed rimane al centro dell’attenzione del mercato e non verrà sciolto in quell’occasione. Ci aspettiamo toni attendisti da parte dei vari membri, ma con una prevalenza a tenere il mercato pronto per un ritocco entro la fine dell’anno. Nonostante il dato deludente sul Pil del 2° trimestre, che tra l’altro sarà rivisto proprio questo venerdì,crediamo che i dati non siano brutti da allontanare un rialzo del costo del denaro nel 4° trimestre dell’anno.

L’impressione che abbiamo e che la Fed voglia lasciare aperta la porta a qualsiasi manovra, evitando che il mercato si culli troppo su una stance ancora super accomodante, che potrebbe poi portare a violente ripercussioni nel caso di un’azione. Ragionando sul timing, è difficile che la Fed muova i passi prima delle elezioni presidenziali del 5 novembre. Così le riunioni del 20-21 settembre e quelle dell’1-2 novembre non dovrebbero portare ad alcuna manovra, mentre quella del 13-14 dicembre potrebbe essere la più appropriata, a distanza, tra l’altro, di un anno dal primo rialzo dal 2006. In questo momento le aspettative incorporate nei Fed Fund Future danno al 55% la probabilità di un ritocco proprio a dicembre (il livello più alto toccato dal referendum sulla Brexit). I dati macro (insieme alle presidenziali) saranno il catalizzatore per una simile manovra quindi. Questa settimana il focus sarà sugli ordini di beni durevoli di luglio e sulla seconda lettura del Pil relativa al 2° trimestre. Nonostante la delusione della prima lettura, la revisione dovrebbe essere migliorativa tanto da cancellare le brutta figura del mese scorso”.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 20169:51

L’indice PMI dei servizi della Germania si è attestato a 53,3 punti rispetto ai 54,4 attesi, mentre quello manifatturiero è stato pari a 53,6, in linea con i 53,5 punti attesi. L’indice PMI Composite, stando a Reuters, è stato pari a 54,4 punti, inferiore ai 55 attesi. 

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 20169:52

Sessione al rialzo per le banche italiane.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 20169:54

Unicredit si conferma il titolo migliore dello stesso Stoxx 600 Europe sulla scia dei rumor secondo cui potrebbe decidere di vendere i suoi asset in Polonia. Fonti di Reuters riportano che il principale assicuratore polazzo sarebbe in trattative per acquisire la divisione in Polonia di Unicredit.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 20169:55

I titoli migliori in Europa scambiati sull’indice Stoxx Europe 600.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201610:42

Nel mese di agosto l’indice PMI Composite dell’Eurozona- che include sia l’indice PMI manifatturiero che quello dei servizi – ha segnato un lieve rialzo, a conferma di come l’incertezza provocata dalla Brexit non abbia avuto un impatto molto forte, almeno fino a ora. L’indice si è attestato a 53,3 punti ad agosto dai 53,2 punti di luglio (performance in realtà praticamente piatta), meglio dei 53,1 punti attesi dal consensus.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201611:43

I titoli delle società attive nel settore costruzioni e immobiliare si confermano i migliori dell’indice Ftse 100 della Borsa di Londra.

Housebuilders boost the FTSE on Tuesday

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201613:23

Piazza Affari continua a essere sostenuta da forti acquisti, che portano l’indice Ftse Mib a balzare +1,83%, a quota 16.434,01 punti. Svetta il titolo Unicredit, sulla scia dei rumor relativi alla possibile cessione della quota del 40% che detiene nella banca polacca Pekao. La notizia accende l’appeal speculativo su FinecoBank, che vola di oltre +5%. Unicredit +5,61%. Da segnalare che a luglio Unicredit aveva ceduto sul mercato sia una quota del 10% in Fineco che del 10% in Pekao. Banche in generale rialzo, con Mps che si conferma tuttavia debole con +0,44%. In crescita Bper +2,16%, BPM +1,71%, BP +3,01%, Banca Mediolanum +2,39%, Intesa SanPaolo +3,73%. Tra i titoli di altri settori, Yoox Net A Porter +2,51%, bene Unipol +2,29% e UnipolSai +2,17%, Recordati +1,65%, Leonardo-Finmeccanica oltre +3%.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201616:37

Dopo essere scesi anche sotto la soglia di $47 al barile, i prezzi del petrolio riducono le perdite, rimanendo comunque in territorio negativo.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201616:44

Grazie all’assist che arriva da Wall Street – dove il Nasdaq ha testato un nuovo record intraday – il Ftse Mib segna un balzo superiore a +2%, esattamente del 2,39%, attestandosi a 16.761,11 punti. Gli indici azionari beneficiano del dato relativo alle vendite di nuove case Usa, balzate oltre +12%, al massimo su base mensile dal 2007.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201616:50

A Wall Street il Nasdaq Composite Index ha testato un record intraday a 5.275,74 punti.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201617:33

Inversione al rialzo per i prezzi del petrolio, che scommettono sull’apertura dell’Iran a intervenire sulla produzione dopo gli ultimi rumor diffusi da Reuters.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201617:48

Chiusura positiva per i principali indici azionari europei.

Laura Naka Antonelli 23 Agosto 201618:01

L’indice Ftse Mib ha concluso la sessione con un rialzo poderoso +2,50%, a 16.778,05 punti. Tra i titoli scambiati, protagonista il balzo di Unicredit, oltre +6,6%. Buy scatenati anche sulle altre banche, come Ubi Banca +7,03%, Mediobanca +5,27%, Banco Popolare +4,52%, BPM +3,64%, Bper +5,73%, Mps +3,62%, Banca Mediolanum +3,70%. Tra i titoli di altri settori, bene in particolare Telecom Italia +2,02%, Saipem +4,63%, Generali +4,47%, Exor +2,61%, Eni +1,34%, FCA +2,03%.