Petrolio Russia, l’UE si divide sulle sanzioni

21 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea si sono incontrati questa mattina per discutere ulteriori sanzioni alla Russia ma non hanno trovato un accordo sul se e come imporre sanzioni al redditizio settore energetico russo a seguito dell’invasione dell’Ucraina. In particolare la Germania ha affermato che l’UE è troppo dipendente dal petrolio russo per decidere un embargo. L’UE e gli alleati hanno già imposto una serie sanzioni contro la Russia, compreso il congelamento dei beni della sua banca centrale.

L’assedio e il bombardamento russo della citta ucraina di Mariupol è stata definita dal capo della politica estera dell’UE Josep Borrell “un enorme crimine di guerra”. Prendere di mira il petrolio russo, come hanno fatto gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, è una scelta divisiva per le 27 nazioni dell’UE, che fanno affidamento sulla Russia per il 40% del suo gas.

“Guardando l’entità della distruzione in Ucraina in questo momento, è molto difficile sostenere che non dovremmo passare al settore energetico, in particolare petrolio e carbone”, ha affermato il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney prima di una riunione delle controparti , facendo eco ai commenti dei paesi baltici.

Ma Germania e Paesi Bassi hanno affermato che l’UE dipende dal petrolio e dal gas russi e non potrebbe esserci un’interruzione dall’oggi al domani.

“La questione di un embargo petrolifero non è una questione di volerlo o meno, ma di quanto dipendiamo dal petrolio”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

“La Germania sta importando molto (petrolio russo) ma ci sono anche altri Stati membri che non possono fermare le importazioni di petrolio da un giorno all’altro. Se potessimo lo faremmo automaticamente“, ha detto, aggiungendo che l’unione dovrebbe invece lavorare per ridurre la sua dipendenza da Mosca per il suo fabbisogno energetico.

I diplomatici hanno avvertito che l’energia è uno dei settori più complessi da sanzionare perché ogni paese dell’UE ha le sue linee rosse. Le sanzioni sono esponenziali, più vai avanti, più è difficile adottarle.

Nuove sanzioni alla Russia?

I diplomatici hanno affermato che un attacco con armi chimiche russe in Ucraina, o un pesante bombardamento della capitale, Kiev, potrebbero innescare un embargo energetico.

Mentre alcuni paesi vogliono un embargo petrolifero, la Germania e l’Italia, che dipendono dal gas russo, si stanno tirando indietro a causa dei già alti prezzi dell’energia. Le sanzioni sul carbone sono una linea rossa per alcuni, tra cui Germania, Polonia e Danimarca, mentre per altri, come i Paesi Bassi, il petrolio è intoccabile. La stessa Mosca ha avvertito che tali sanzioni potrebbero spingerla a chiudere un gasdotto verso l’Europa, un altro potenziale deterrente.

Nessuna decisione sulle potenziali sanzioni energetiche era prevista per la riunione dei ministri degli Esteri, la prima di un’intensa settimana di colloqui a Bruxelles.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden arriva mercoledì per i colloqui di giovedì con i 30 membri dell’alleanza transatlantica della NATO, l’UE e il Gruppo dei Sette (G7) che include il Giappone, riunione pronta a rafforzare la risposta dell’Occidente a Mosca.

Finora il Cremlino non è stato spinto a cambiare rotta in Ucraina dalle sanzioni dell’UE, anche nei confronti dei 685 oligarchi russi e bielorussi e per le politiche di economia interne. Un quinto round di sanzioni includerà più nomi nelle liste nere dell’UE.

Separatamente, quest’oggi i ministri della Difesa avrebbero dovuto discutere una nuova strategia militare una “bussola strategica” per adattare l’UE al cambiamento della realtà geopolitica. Il documento è stato modificato per rafforzare le parti relative alla Russia, ha affermato un funzionario dell’UE.