Ethereum ha completato il suo test finale prima del Merge

11 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Ethereum, la seconda criptovaluta più grande per valore di mercato, ha appena tenuto una prova generale finale prima dell’aggiornamento atteso da anni che è stato annunciato come uno degli eventi più importanti nella storia della criptovaluta.

Dalla sua creazione quasi un decennio fa, Ethereum è stato estratto attraverso un cosiddetto modello di proof-of-work. Questo modello implica equazioni matematiche complesse risolvibili solo da un numero elevato di macchine che richiedono un’abbondanza di energia. Il Bitcoin segue un processo simile.

Ethereum ha lavorato molto per passare a un nuovo modello per proteggere la rete, chiamato proof of stake. Piuttosto che fare affidamento sull’estrazione ad alta intensità energetica, il nuovo metodo richiede agli utenti di sfruttare la cache di Ether esistente come mezzo per verificare le transazioni e coniare i token. Utilizza molta meno energia e dovrebbe tradursi in transazioni più veloci.

Ansgar Dietrichs, un ricercatore della Ethereum Foundation, ha affermato in un tweet che la metrica più rilevante per il successo è guardare al tempo per la finalizzazione. Lo ha definito “un altro test di successo”.

Un ricercatore associato di Galaxy Digital ha sottolineato che il tasso di partecipazione dopo la fusione del test è diminuito e sembrava che potesse esserci stato un problema con uno dei clienti, ma nel complesso ha funzionato.

“A successful Merge = chain finalizes”, ha scritto Christine Kim in un tweet , aggiungendo che è probabile che vedremo tipi simili di problemi con l’aggiornamento sulla rete principale, “ma il punto è che la fusione ha funzionato”.

I tempi dell’aggiornamento saranno discussi giovedì in una riunione degli sviluppatori principali di Ethereum. Le indicazioni precedenti indicavano che l’unione dovrebbe entrare in vigore a metà settembre.

Il prezzo di Ether (ETH), il token originario della blockchain di ethereum, ha registrato un’impennata nell’ultimo mese, aumentando di quasi l′80%, incluso un guadagno dell’ 11% nelle ultime 24 ore a circa $ 1.875.

Ecco cosa è successo

Una delle reti di prova di Ethereum, o testnet, chiamata Goerli, ha simulato un processo identico a quello che eseguirà la rete principale, o mainnet, a settembre.

I testnet consentono agli sviluppatori di provare nuove cose e apportare le modifiche necessarie prima che gli aggiornamenti vengano implementati sulla blockchain principale. L’esercizio di mercoledì sera ha mostrato che il processo di convalida della proof-of-stake riduce sostanzialmente l’energia necessaria per verificare un blocco di transazioni e ha anche dimostrato che il processo di merge funziona.

“Goerli ha questo distintivo di una testnet bottom-up”, ha affermato Josef Je, uno sviluppatore che ha lavorato con la Ethereum Foundation e ora gestisce una piattaforma di prestito peer-to-peer chiamata PWN.

Je ha aggiunto che essendo Goerli la testnet più utilizzatail risultato sarà quasi identico a come funzioneranno le cose sulla rete principale.

Il blog della Ethereum Foundation ha fatto eco a tale valutazione, affermando che Goerli è “il più vicino alla rete principale, il che può essere utile per testare le interazioni degli smart contract”.

Individuazione dei bug su Ethereum

Tim Beiko, il coordinatore degli sviluppatori del protocollo di Ethereum, ha detto alla CNBC che in genere sanno “in pochi minuti” se un test ha avuto successo. Ma continueranno a cercare molti potenziali problemi di configurazione nelle ore e nei giorni a venire in modo da poterli risolvere rapidamente.

“Vogliamo vedere la rete finalizzare e avere un alto tasso di partecipazione tra i validatori e anche assicurarci di non riscontrare bug o problemi imprevisti”, ha affermato Beiko.

La metrica più semplice da monitorare è il tasso di partecipazione, ovvero quanti validatori sono online e svolgono le loro funzioni, ha affermato Beiko. Se i numeri scendono, gli sviluppatori dovranno capire perché.

Un’altra questione chiave riguarda le transazioni. Ethereum elabora le transazioni in gruppi noti come blocchi. Beiko ha detto che un chiaro indicatore che il test è andato bene sarà se i blocchi contengono transazioni effettive e non sono vuoti.

L’ultimo controllo importante è se la rete si sta finalizzando, il che significa che più di due terzi dei validatori sono online e accettano la stessa visione della cronologia della catena. Beiko afferma che ci vogliono 15 minuti in condizioni di rete normali.

“Se queste tre cose sembrano buone, allora c’è una lunga lista di cose secondarie da controllare, ma a quel punto le cose stanno andando bene”, ha detto Beiko.

Rendere la rete più accessibile

Da dicembre 2020, la comunità di ethereum ha testato il flusso di lavoro proof-of-stake su una catena chiamata beacon, che corre insieme alla catena proof-of-work esistente. Beacon ha risolto alcuni problemi chiave.

Beiko ha affermato che la proposta originale richiedeva ai validatori di avere 1.500 Ether, una quota che ora vale circa 2,7 milioni di dollari, per poter utilizzare il sistema. La nuova proposta proof-of-stake abbassa l’asticella, richiedendo agli utenti interessati di avere solo 32 ether, ovvero circa $ 57.600.

“Non è ancora una somma insignificante, ma è un sistema molto più accessibile”, ha affermato Beiko.

Ci sono stati altri sviluppi chiave che hanno portato al test di mercoledì. A giugno, il testnet più longevo di Ethereum, noto come Ropsten, ha unito con successo il suo livello di esecuzione proof-of-work con la catena di beacon proof-of-stake. È stato il primo grande ciclo a secco del processo che la rete principale subirà il mese prossimo, se tutto dovesse andare secondo i piani.

Beiko ha affermato che testare l’unione ha consentito agli sviluppatori di garantire che il software che esegue il protocollo Ethereum fosse stabile e “che tutto ciò che è costruito sulla rete fosse pronto per la transizione”.