Draghi: “uscire dalla crisi anche a costo di un alto debito”

26 Marzo 2020, di Mariangela Tessa

I governi europei devono assorbire rapidamente lo shock economico della crisi del coronavirus, anche a costo di un alto debito, poiché l’alternativa è una distruzione economica permanente.

Parola dell’ex presidente della Bce Mario Draghi che, dopo settimane di silenzio esce allo scoperto, scrivendo un editoriale pubblicato sul Financial Times.

Considerato il salvatore dell’euro durante la crisi del debito sovrano europeo, Draghi è invocato da una parte della maggioranza e dell’opposizione come prossimo premier, al posto di Conte, una volta che la crisi sanitaria sarà rientrata.

Secondo l’ex numero uno dell’istituto di Francoforte, i governi devono proteggere i posti di lavoro e la capacità produttiva, facendosi carico e cancellando il debito del settore privato per proteggere loccupazione e mantenere il reddito delle famiglie colpite dalla crisi.

“L’alternativa, una distruzione permanente della capacità produttiva e quindi della base fiscale, sarebbe molto più dannosa per l’economia e alla fine per il credito del governo”, ha scritto Draghi, che si è dimesso in ottobre.

Draghi sottolinea che “gli Stati hanno già fatto così” in occasione di altre emergenze. Le guerre, ad esempio, osserva l’ex governatore della BCE, “sono state finanziate da un aumento del debito pubblico”. Durante la prima guerra mondiale, in Italia e in  Germania, tra il 6 e il 15% delle spese in termini reali furono coperte dalla fiscalità” E oggi, rileva Draghi, si tratta di combattere contro il coronavirus e le sue conseguenze in termini umani ed economici.

Parlando dell’Europa, Draghi afferma che “per alcuni aspetti, il Vecchio Continente è ben attrezzata per affrontare questo straordinario shock. Ha una struttura finanziaria granulare in grado di incanalare i fondi verso ogni settore dell’economia che ne ha bisogno. Ha un forte settore pubblico in grado di coordinare una risposta politica rapida. La velocità è assolutamente essenziale per l’efficacia” dell’azione.

“Di fronte a circostanze impreviste, serve un cambiamento di mentalità in questa crisi come lo sarebbe in tempi di guerra. Lo shock che stiamo affrontando non è ciclico”, afferma Draghi, evidenziando che “il costo dell’esitazione può essere irreversibile. Il ricordo delle sofferenze degli europei negli anni ’20 è un ammonimento sufficiente”.

Un capitolo a parte è dedicato alle banche. Sostenendo che la crisi è di “proporzioni bibliche”, Draghi sostiene che le banche devono concedere rapidamente prestiti alle imprese a costo zero e che il capitale necessario per questi prestiti deve essere fornito dai governi sotto forma di garanzie, in modo da mantenere i posti di lavoro.

“Il costo di queste garanzie non dovrebbe essere basato sul rischio di credito dell’azienda che le riceve, ma dovrebbe essere pari a zero indipendentemente dal costo del finanziamento del governo che le emette”, ha detto Draghi, che ha parlato raramente da quando ha lasciato l’incarico.

Draghi ha detto che la liquidità deve essere fornita anche attraverso i mercati del debito o anche tramite il sistema postale, se questo consente di raggiungere le persone più velocemente. “E deve essere fatto immediatamente, evitando ritardi burocratici”.

Mentre alcuni temono il costo di un’impennata dei livelli del debito, Draghi sostiene che i bassi tassi di interesse saranno mantenuti a lungo, quindi questo non si aggiungerebbe ai costi di finanziamento del debito del governo.