Blockchain e innovazione: idee per una nuova politica economica in Italia

15 Maggio 2019, di Redazione Wall Street Italia

A cura di Vincenzo Caccioppoli

Ad aprile, in occasione della Blockchain Business Revolution, l’evento di Digital360 su vantaggi e rischi della tecnologia della “catena dei blocchi”, giunto alla terza edizione, sono stati presentati i risultati del sondaggio realizzato da Ipsos per Digital360 “Dalle cryptocurrency al Made in Italy: l’immagine e le potenzialità della blockchain”, che ha focalizzato la sua indagine sulla percezione da parte delle persone in generale, e da parte delle imprese, attraverso 850 interviste tra la popolazione italiana e 200 tra manager di aziende di diversi settori.

Cosa è emerso?  Secondo il termometro Ipsos, il 20% degli italiani è informato su cosa sia la Blockchain, il restante 17% ne ha sentito parlare ma non sa bene di cosa si tratti, il 62% non l’ha mai sentita. In ambito aziendale invece, la percentuale di chi conosce la tecnologia sale all’85%, con appena il 4% dei manager che non ne ha mai sentito parlare.

Tra coloro che conoscono la blockchain, prevale la consapevolezza che si tratti di un’opportunità: il 53% della popolazione italiana la ritiene importante per sé e per la propria vita, il 68% per lo sviluppo economico del Paese. Le caratteristiche più associate alla blockchain per gli italiani sono principalmente la trasparenza, la sicurezza, l’apertura e la velocità. Nell’opinione della popolazione, la Blockchain è utile in particolare per le transazioni monetarie e finanziarie (secondo il 43% degli intervistati), per la cyber security (33%), per la burocrazia e pubblica amministrazionepubblica amministrazione (29%).

Lavoro, si verranno creare grandi opportunità

Tra i manager d’azienda, addirittura, il 72% ritiene che la Blockchain sia importante per la propria vita, il 79% la giudica importante per lo sviluppo economico del Paese. Anche per i manager, la blockchain può trovare importanti applicazioni, in ordine, nelle transazioni monetarie e finanziarie (71%), nella supply chain e distribuzione (50%), nella burocrazia (47%). Questi dati sono piuttosto indicativi del fatto che in Italia, anche grazie forse ad una certa propensione positiva da parte dei cinque stelle verso la materia, qualcosa sul fronte innovazione e nuove tecnologie si sta muovendo.

Il sottosegretario al Mise Andrea Cioffi, ad un recente convegno, organizzato a Roma, ha spiegato, infatti, che “in Italia abbiamo grandi potenzialità, abbiamo grandissimi ricercatori. Dobbiamo cercare di mettere tutto ciò a sistema ed è una grande sfida. Moltissime persone andranno in pensione e ci sarà più offerta di lavoro c’è una grande possibilità se si è al passo con la tecnologia”.

Riguardo a cosa si sta facendo per il settore, Cioffi ha sottolineato: “Il Governo sta lavorando a un piano che abbiamo chiamato Smarter Italy. Uno dei temi che possiamo mettere in campo è quello dei supercalcolatori, un altro è quello di data center e cloud”. Le idee su come supportare le imprese non mancano: “Possiamo dare un voucher per stoccare dati in un cloud che sia governato da un sistema stato che può garantire quello che non possono garantire altri. Siamo in grado di essere portatori in Europa di una visione d’avanguardia”.

Partneriato UE per la blockchain

Lo stesso segretario è colui che ha deciso di creare un gruppo di 35 esperti proprio per elaborare quali possono essere le migliore strategie in tema blockchain ed AI, da porre in atto per il nostro paese. D’altra parte occorre anche aggiungere che nel corso del 2018, l’UE ha lanciato il partenariato europeo per la blockchain, al quale hanno aderito finora 27 Stati membri dell’UE, tra cui l’Italia, che ha recentemente reintrodotto una definizione di smart contract e che nel 2019 sta pianificando di condurre investimenti nelle DLT attraverso un fondo di venture capital per startup innovative.

“La blockchain è ormai uscita dalla fase delle promesse per diventare una realtà per il business – dice Andrea Rangone, Ad di Digital360 -. È positiva la crescita di interesse e di consapevolezza tra gli italiani che lascia presagire un’ulteriore spinta nel prossimo futuro. Anche se ancora pochi hanno compreso fino in fondo il grande potenziale che è in grado di esprimere in termini di creazione di nuovi modelli di business, come uno dei pilastri della rivoluzione digitale. Il ruolo delle istituzioni e della politica su questi temi è estremamente importante: è positivo che il nostro paese sia tra i primi a disciplinare a livello giuridico gli smart contract e ad avviare un processo di regolamentazione. Ed è significativa l’iniziativa del Mise che ha fatto partire due gruppi di esperti dedicati a Blockchain e Intelligenza Artificiale, per favorire lo sviluppo della conoscenza e di applicazioni concrete”.

Però ancora molto va fatto in termini di fiscalità o di fondi strutturali da dedicare alle nuove tecnologie. Non è un caso se paesi come la Slovenia o la vicina Svizzera stiano accogliendo a braccia aperte aziende d’eccellenza nel settore come Eidoo o Luxochain, fondate e gestite da italiani, che hanno dovuto emigrare per trovare le migliori condizioni per portare avanti il loro business. Nel nostro paese però, malgrado tutto nel 2018 si sono registrati 150 progetti inerenti appunto alla Blockchain, come riportato dal report dell’Osservatorio sulla blockchain del Polimi di Milano, attestandosi al terzo in Europa in una ipotetica classifica per numero di progetti.

Ma cosa blocca lo sviluppo di nuovi progetti?

Innanzitutto la mancanza di competenze, insieme alla difficoltà nel valutare i benefici attesi e la scarsità delle risorse a disposizione. Se infatti, come dicevamo, il 59% delle imprese non ha stanziato risorse per questa tecnologia nel 2018, il 30% ha un budget inferiore a 100mila euro, il 7% ha preventivato risorse comprese tra 100mila e 500mila euro e solo il 4% ha investito più di 500mila euro.

Ecco proprio su questo punto forse il governo dovrebbe lavorare di più, anche se come detto qualcosa di buono già è stato fatto, per mettere in moto un processo virtuoso in un campo, che può rappresentare un vero e proprio volano per l’economia del futuro.

vcaccioppoli@gmail.com