Binance acquista FTX per evitare una crisi di liquidità

9 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Ieri il mercato delle criptovalute ha ridotto le perdite quando i due più grandi exchange di criptovalute, Binance e FTX, hanno raggiunto un accordo per risolvere la “crisi di liquidità” di quest’ultimo. Le criptovalute legate ad Alameda, la società commerciale di proprietà anche del miliardario Sam Bankman-Fried, stavano subendo perdite massicce. FTX Token (FTT), il token nativo della piattaforma di trading FTX, ieri è sceso del 23%. Il token legato al concorrente di Ethereum, Solana, di cui Alameda è un grande sostenitore, ha perso il 12%.

Nelle criptovalute, Coinbase è sceso del 12,5%, mentre Robinhood, in cui Sam Bankman-Fried ha una partecipazione del 7,6%, è sceso del 9%. Le banche crittografiche come Silvergate e Signature e i miner di Bitcoin come Hut 8 e Riot Blockchain hanno riportato perdite a doppia cifra.

“Ci sono molti similitudini alla crisi di Celsius e Three Arrows avvenuta mesi fa. Gli investitori hanno dei deja-vu e paura di questi mercati”, ha affermato Conor Ryder, analista di ricerca di Kaiko.

Ieri FTX ha interrotto i prelievi dalla sua piattaforma, dopo che gli investitori spaventati hanno tentato di ritirare i loro fondi in massa dopo che il fondatore di Binance Changpeng Zhao ha twittato durante il fine settimana che la società avrebbe venduto le sue partecipazioni di FTT.

Cosa ha scatenato la crisi di FTX

Binance è il più grande exchange di criptovalute al mondo per volume di scambi ed è stato uno dei primi sostenitori di FTX. “A causa delle recenti rivelazioni che sono venute alla luce, abbiamo deciso di liquidare qualsiasi FTT rimanente sui nostri libri”, ha affermato.

Tali rivelazioni si riferiscono a voci sulla solvibilità di FTX, il secondo exchange di criptovalute più grande al mondo per volume di scambi. Un rapporto della scorsa settimana sullo stato delle finanze di Alameda ha mostrato che gran parte del suo bilancio è concentrato in FTT e le sue varie attività sfruttate utilizzando FTT come garanzia. Alameda ha contestato l’indiscrezione, affermando che FTT rappresenta solo una parte del suo bilancio totale. Jeff Dorman, chief investment officer di Arca, ha spiegato:

“L’hedge fund Alameda è legato a FTX attraverso una tonnellata di token FTT e sono iniziate a girare voci secondo cui se usano tutti questi token FTT come garanzia. Ci sono due problemi. Se il prezzo di FTT scende molto, Alameda potrebbe affrontare richieste di margine; il secondo problema è che se FTX è il prestatore di Alameda, allora tutti saranno nei guai. Quello che avrebbe potuto essere solo un problema isolato in Alameda è diventato una corsa agli sportelli. Tutti hanno iniziato a ritirare i propri beni da FTX e c’è questa paura che FTX possa essere insolvente”.

Conor Ryder ha riferito di avere fiducia che FTX e i suoi clienti “andranno bene”, ma che il panico è comprensibile. Bankman-Fried, noto anche come SBF, ha detto poco per tranquillizzare gli investitori:

“Il problema è la natura opaca e la mancanza di trasparenza sulle riserve di FTX, le riserve di Alameda, i legami tra i due: nessuno sa davvero come si intrecciano. Da quel lato delle cose, rispecchia molto i problemi di Celsius in quanto non abbiamo visibilità dei fondi e FTX non è uscito e ha rassicurato gli investitori”.

È un buon argomento per una maggiore regolamentazione delle entità centralizzate, ha aggiunto Ryder, dicendo che è imperativo per tutte le entità centralizzate, che si tratti di hedge fund come Three Arrows Capital o Alameda Research o di exchange centralizzati come FTX e Binance che non sono quotati, mantenere un prova delle riserve a tutela degli investitori.