Il CEO di Celsius si dimette nel bel mezzo di una procedura fallimentare

27 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il ceo di Celsius Network, Alex Mashinsky, ha presentato una lettera di dimissioni oggi, mesi dopo che la società di criptovalute ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Chapter 11. Le dimissioni di Mashinsky hanno effetto immediato, ma in un comunicato ha affermato che continuerà ad aiutare la società a fornire ai creditori il “miglior risultato”: “Mi dispiace che il mio continuo ruolo di ceo sia diventato una crescente distrazione e sono molto dispiaciuto per le difficili circostanze finanziarie che i membri della nostra comunità stanno affrontando”, ha scritto nella lettera. “Dalla pausa, ho lavorato instancabilmente per aiutare la società e i suoi consulenti a presentare un piano praticabile affinché la società restituisse le monete ai creditori nel modo più equo ed efficiente”.

A maggio, Celsius è stato uno dei maggiori attori nello spazio dei finanziamenti di criptovalute con oltre 8 miliardi di dollari di prestiti ai clienti e quasi 12 miliardi di asset in gestione. L’azienda avrebbe prestato le criptovalute dei clienti a controparti disposte a pagare tassi di interesse altissimi per prenderle in prestito e Celsius avrebbe diviso quindi parte di tali entrate con gli utenti.

Cosa è accaduto a Celsius?

Celsius è stato uno dei primi grandi finanziatori di criptovalute a congelare i prelievi degli utenti a causa del crollo dei mercati delle criptovalute a metà giugno di quest’anno. Dopo settimane di silenzio, l’azienda alla fine ha dichiarato bancarotta, rivelando un buco di 1,2 miliardi di dollari nel suo bilancio.

Prima della dichiarazione di fallimento, i dati on-chain hanno mostrato che Celsius stava rimborsando frettolosamente denaro sui suoi vari DeFi loans (prestatori) per evitare di essere liquidato su oltre $ 440 milioni di Bitcoin collateralizzati. L’azienda alla fine ha rimborsato l’intero prestito e recuperato i fondi.

Da allora l’azienda ha ottenuto il permesso di vendere i suoi Bitcoin estratti per pagare le sue operazioni. I numeri di luglio indicavano che le sue operazioni erano in perdita, ma un giudice di New York ha stabilito che la mossa alla fine avrebbe aiutato gli investitori.

All’inizio di questo mese, i funzionari del Vermont hanno affermato che Celsius è insolvente dal 2019 e che il ceo Alex Mashinsky aveva rilasciato dichiarazioni false e fuorvianti sulle condizioni finanziarie dell’azienda.