BCE

La Banca Centrale d'Europa (abbreviata BCE o ECB, European Central Bank) è stata istituita nel 1998 ed è entrata formalmente in attività il 1° gennaio dell'anno successivo. Nel 1999, di fatti, entrava in vigore la moneta unica europea e si era palesata la necessità di creare un istituto unificato che sostituisse le undici banche nazionali nelle decisioni riguardanti i tassi di cambio e le politiche monetarie da adottare.
In quella stessa data sono stati formalmente fissate le proporzioni di conversione delle vecchie monete europee in favore dell'EURO. Nel corso degli anni i paesi appartenenti all'eurozona sono passati da 11 a un totale di 19; l'ultima nazione ad aver aderito alla moneta europea è stata la Lituania, nel 2015.

La Banca Centrale Europea ha personalità giuridica autonoma ed ha la funzione di emanare raccomandazioni e pareri non vincolanti. Il suo scopo è controllare l'andamento dei prezzi e mantenere in salute il potere d'acquisto all'interno della zona euro: l'obiettivo è mantenere, tramite opportune politiche economico-finanziarie, tasso di inflazione a un livello inferiore al 2%. Gli altri organismi dell'UE hanno l'obbligo di consultarsi con la BCE prima di formulare modifiche di trattati che coinvolgano la sfera monetaria.
Il presidente della Banca Centrale Europea rimane in carica per otto anni, lasso di tempo stabilito anche per gli altri membri del Comitato Direttivo. Dalla sua fondazione fino a oggi hanno ricoperto la carica di presidente Wim Duisenberg, dal 1998 al 2003; Jean-Claude Trichet dal 2003 al 2001 e l'attuale presidente in carica Mario Draghi.

<