Mercati, BofA: “Segnale di Buy estivo” all’orizzonte

22 giugno 2018, di Daniele Chicca

Uno degli indicatori tecnici dei mercati tra quelli più spesso citati da Bank of America Merrill Lynch (il “Bull & Bear“) sta mandando un segnale di Buy per il periodo estivo. Complice il rimbalzo dei prezzi del petrolio e l’attenuarsi delle tensioni commerciali il Dow Jones oggi sembra impostato per interrompere la striscia negativa di otto sedute, evitando quindi di subire la serie negativa più lunga dal 1978.

Ma rimanere ottimisti in questi giorni di grande nervosismo non è facile per gli investitori. L’estate è arrivata e le minacce di nuovi dazi da Stati Uniti, Cina ed Unione Europea non aiutano a convincere i trader a comprare. Tuttavia, proprio siccome gli investitori stanno vendendo titoli azionari, potrebbe essere un momento ideale per esporsi alle Borse, secondo Bank of America Merrill Lynch.

L’indicatore della banca “Bull & Bear Indicator ha toccato i minimi di due anni e si sta spingendo verso un “segnale di Buy estivo”, sottolineano gli analisti di BofA in un report (intitolato “Flow Show”) indirizzato alla clientela. Sotto si può consultare l’indice, che in febbraio era su valori “estremamente rialzisti” (“extreme bullish”).

Il grafico dell’indice chiave di BofA

L’indice si trova a quota 2,9 e si sta orientando al ribasso verso il segnale opposto (estremamente ribassista, “extreme bearish”). La banca consiglia di guardare a questi tre segnali di Buy:

  1. flussi in uscita dagli asset dei mercati considerati più rischiosi;
  2. una rottura dell’indice S&P 500 sotto il livello tecnico chiave di 2.650;
  3. un dato deludente del rapporto occupazionale governativo di giugno, che verrà pubblicato venerdì 6 luglio.

Quest’ultimo elemento è particolarmente importante, in quanto potrebbe segnalare che la Federal Reserve non sia più disposta ad accelerare il ciclo di strette monetarie e che i rialzi dei tassi potrebbero essere “uno o due in meno” del previsto.

Obiettivo 3mila punti per l’S&P 500

L’illustre strategist di Wall Street Byron Wien dice di aspettarsi che la sua opinione ottimista sui mercati venga messa alla prova quest’estate, periodo di volumi più sottili e solitamente debole per l’azionario. Luglio, in particolare, è stato storicamente un mese di cali per le Borse americane e quest’anno ad alimentare le incertezze contribuisce l’appuntamento con le elezioni di mid-term, il cui esito potrebbe completamente trasformare l’orientamento delle prossime politiche di Donald Trump.

“I mesi estivi potrebbero essere complicati per i mercati, ma siamo ottimisti per quanto riguarda i valori a fine anno e perciò confermiamo la nostra stima” che è quella di un punteggio tondo di 3 mila punti per l’indice S&P 500.

Va sottolineato che Wien aveva detto più o meno le stesse cose e fatto le stesse previsioni un anno fa, consigliando di restare esposti ai mercati azionari Usa e aspettarsi un valore di 3.000 punti per l’indice allargato della Borsa Usa. Il risultato finale nel 2017 è stato di 2.673,61 punti con un guadagno comunque notevole, di +19,4% nei 12 mesi di tempo presi in considerazione.

Rimane ancora da vedere quanto gli investitori potranno mostrare un certo appetito per il rischio e la volontà di fare acquisti sui mercati finanziari dopo una settimana difficile per le Borse mondiali.

Hai dimenticato la password?